Svizzera, 14 gennaio 2023

La città di Berna si è fatta prestare 400 milioni di franchi dalla FIFA

Negli ultimi cinque anni, la città di Berna ha preso in prestito denaro dalla Fifa per centinaia di milioni di franchi. Nel dettaglio: 158 milioni nel 2022, 75 milioni nel 2020 e 105 milioni in quattro tranche nel 2018. In totale, 383 milioni di franchi sono stati versati dalla Federazione internazionale di calcio (Fifa) nelle casse comunali della capitale svizzera.

La città ha usato la Fifa come una sorta di banca, riporta "Der Bund". La città aveva bisogno di denaro a breve termine per garantire la propria liquidità e la Fifa, con i suoi miliardi di dollari, era alla ricerca di opportunità di investimento.



Ma il prestito fa sorgere interrogativi nella politica. “Non c'è un codice etico che entra in gioco quando si prende in prestito del denaro?", chiede la consigliera comunale Milena Daphinoff (Centro). Giovedì il Dipartimento delle Finanze non ha potuto rispondere alle domande del quotidiano in lingua tedesca. La questione delle possibili considerazioni etiche è rimasta senza risposta.

Mark Pieth, esperto di corruzione e professore di diritto penale interpellato dal giornale bernese, è sorpreso che la Fifa si presenti come finanziatore di un ente pubblico. La questione, dice, è se l'associazione calcistica debba essere soggetta alla legge bancaria oltre una certa soglia. A quanto pare, la città di Berna non è sola: anche diversi comuni del canton Zurigo hanno ricevuto prestiti un anno e mezzo fa.

Secondo Tobias Lux, portavoce della FINMA, l'autorità di vigilanza bancaria svizzera, la Fifa non ha una licenza bancaria. Ciò che è decisivo per l'attività bancaria è l'accettazione di depositi di denaro. La concessione di prestiti è possibile anche senza licenza. Tuttavia, chiunque conceda prestiti o crediti su "larga scala" deve essere soggetto alla Legge sul riciclaggio di denaro, a meno che i prestiti non siano stati concessi senza interessi o spese.

Guarda anche 

Un predicatore islamico condannato per frode e razzismo non dovrà lasciare la Svizzera

Il predicatore islamico Abu Ramadan non dovrà lasciare la Svizzera, nonostante una condanna di espulsione in primo grado. Lo ha deciso venerdì l'Alta Co...
15.06.2024
Svizzera

La madre accusata di aver ucciso la figlia di 8 anni condannata all'ergastolo

La madre residente nel canton Berna accusata di aver ucciso la figlia di 8 anni passerà il resto della sua vita in carcere. "Ci auguriamo che questa bambina a...
14.06.2024
Svizzera

Il Canton Berna introduce per primo la carta di pagamento per richiedenti l'asilo

Il Canton Berna potrebbe essere il primo cantone a introdurre un sistema di carte di pagamento per i richiedenti l’asilo. Il Gran Consiglio bernese ha infatti ap...
14.06.2024
Svizzera

Una madre si difende dall'accusa di aver ucciso la figlia di 8 anni

Una madre ha ucciso freddamente la sua figlia di otto anni perché non accettava più di doverla crescere da sola? È questa la domanda a cui dovr&agrav...
07.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto