Sport, 03 gennaio 2023

Lugano con orgoglio, l’Ambrì parte piano

Fondamentale successo quello colto dai bianconeri contro il Losanna, ma c’è preoccupazione per Granlund. I leventinesi pagano un primo tempo da incubo a Berna

LUGANO – Dopo il brutto KO di Kloten e la pausa forzata per Natale, il Lugano ieri sera è tornato in pista e, con tutte le difficoltà del caso, si è imposto per 3-1 contro il Losanna in uno dei primi scontri diretti di questo gennaio che potrà dire molto, se non tutto, in merito al futuro prossimo della truppa di Gianinazzi. Battere i vodesi era un obbligo e, dopo un primo tempo equilibrato, ci è voluta la rete di Morini – al terzo powerplay di serata – per sbloccare la contesa e mettere le cose in chiaro: sì, perché il Losanna, davvero in difficoltà quest’anno, non ha mai davvero impensierito Koskinen che si è dovuto arrendere solo in un’occasione, sul finire del secondo tempo.
 
 
Con Granlund rimasto negli spogliatoi al termine della prima frazione, a causa di un colpo alla spalla che andrà valutato in vista delle prossime sfide, a guidare la truppa sottocenerina questa volta ci ha pensato il redivivo Thürkauf, autore della doppietta decisiva (la seconda rete è giunta a porta vuota), che ha permesso al Lugano di iniziare col piede giusto il 2023, anche se all’orizzonte si prospettano sfide alquanto delicate decisive: venerdì il Berna arriverà sulle rive del Ceresio, sabato ci sarà la trasferta di Langnau, prima di ospitare il derby con l’Ambrì martedì. Insomma… un cammino complicato e impegnativo. 

 
 
A proposito di Ambrì: la sbornia e l’eccitazione dovute alla vittoria alla Spengler sono pesate molto ieri sera sulle gambe e sulla testa dei giocatori di Cereda nella trasferta di Berna. Nella tana dell’Orso l’head coach si è ritrovato tra le mani la sua squadra, ovvero quella priva dei rinforzi avuti in terra grigionese e nel primo periodo ha pagato dazio soprattutto a livello mentale: ogni errore è stato pagato a caro prezzo, con i ragazzi della Capitale capaci di portarsi in un battibaleno sul 3-0. In seguito il carattere leventinese è uscito allo scoperto, ma la rimonta non si è concretizzata del tutto e così a porta vuota è giunto anche il 4-2 bernese.
 
 
Ora la classifica resta aperta, apertissima e anche l’Ambrì si giocherà fino in fondo le sue carte per accedere ai pre playoff, ma attenzione: proprio perché così stretta, la lotta sarà serrata e ogni minimo errore potrebbe essere pagato a caro prezzo. Sia sul ghiaccio che… in graduatoria.

Guarda anche 

Lukas Klok suona la carica. Infranto il tabù-Kloten

LUGANO - Arrivato quasi in sordina alla corte di coach Gianinazzi, il ceko Lukas Klok si sta rivelando una pedina fondamentale nella rincorsa del Lugano ai preplayof...
05.02.2023
Sport

“Non ho legami con l’Africa, ma ci porterò i miei figli”

AMBRÌ - L’ex biancoblù Michael Ngoy è nato a Losanna 40 anni fa: mamma svizzera e papà congolese. Persona estremamente si...
05.02.2023
Sport

Dannato powerplay: i Lakers stoppano un Lugano caparbio

RAPPERSWIL – Dopo quattro vittorie filate, il Lugano è tornato a riassaporare l’amaro gusto della sconfitta al termine di un match in cui non ha giocat...
30.01.2023
Sport

Plan B e MyLugano, per una Lugano all'avanguardia

Parlando del digitale, va ricordato che la Città di Lugano, con il suo “Plan B” o Piano-B è precursore a livello internazionale e ci pone cos&ig...
30.01.2023
Opinioni