Svizzera, 02 dicembre 2022

Casse malati, il Consiglio degli Stati boccia una maggiore partecipazione dei cantoni al pagamento dei premi

A differenza del Consiglio nazionale dello scorso giugno, il Consiglio degli Stati si è rifiutato mercoledì di discutere il controprogetto indiretto del Consiglio federale all'iniziativa del PS "massimo 10% del reddito per i premi dell'assicurazione sanitaria". Bocciato con 22 voti contro 20, il testo tornerà quindi al Consiglio nazionale. 

Il rifiuto dei Consiglieri agli Stati ha provocato la rabbia del Partito socialista svizzero (PS). In un comunicato stampa, il partito ha dichiarato che la “maggioranza di destra si rifiuta di discutere una spinta finanziaria di cui molte famiglie e nuclei familiari hanno urgentemente bisogno di fronte all'impennata dei premi". "È un affronto enorme e sarà la popolazione a pagare il conto", ha aggiunto la senatrice ticinese Marina Carobbio (TI), ricordando che il potere d'acquisto di molti svizzeri è sempre più sotto pressione a causa dell'aumento dei prezzi dell'energia, degli affitti e dei premi.

L'iniziativa socialista prevede che nessun assicurato debba pagare più del 10% del proprio reddito disponibile per i premi. A tal fine, la Confederazione e i Cantoni dovrebbero contribuire maggiormente alla riduzione dei premi. Berna si sarebbe fatta carico di due terzi dei costi, mentre i cantoni si sarebbero assunti il restante terzo.



Contrario al testo socialista, il Consiglio federale ha quindi lanciato una controproposta indiretta, soprattutto perché attualmente c'è un forte squilibrio tra quanto pagano Berna e i Cantoni, ha sottolineato il ministro della Sanità Alain Berset. In effetti, negli ultimi dieci anni, la metà di essi ha ridotto la propria quota di riduzione nonostante l'aumento dei premi. "Siamo arrivati a una situazione in cui la Confederazione finanzia circa il 90% delle riduzioni in alcuni cantoni", ha criticato. Ha ricordato che l'anno prossimo Berna aumenterà il suo contributo di 170 milioni di franchi per superare i 3 miliardi di franchi previsti per la riduzione dei premi nel 2023.

A seguito di queste importanti differenze e in risposta all'iniziativa del PS, il Consiglio federale ha proposto di abbandonare la soglia del 10% richiesta dal PS. Propone invece che i Cantoni paghino un minimo dal 5 al 7,5% dei costi cantonali dell'assicurazione sanitaria obbligatoria, a seconda del peso dei premi nel bilancio degli assicurati di un Cantone. In questo modo, circa 493 milioni di franchi verrebbero sottratti alle tasche dei Cantoni.

La sinistra si è schierata a favore di questa soluzione, ritenendo che sia necessario agire. "I premi sono un onere sempre più gravoso per gli assicurati. Oggi corrispondono in media al 14% del reddito e l'anno prossimo sarà ancora peggio", ha dichiarato Marina Carobbio (PS/TI), sottolineando che molti attori del settore sanitario hanno appoggiato la proposta del Consiglio federale.


Ma la maggioranza del Consiglio degli Stati ha bocciato la proposta. I senatori ritengono che le differenze cantonali nelle riduzioni dei premi siano troppo grandi per essere gestite da Berna. Soprattutto, si rifiutano di permettere alla Confederazione di regolare la partecipazione dei Cantoni. "Si tratta di un'interferenza nella loro sovranità", ha dichiarato Jakob Stark (UDC/TG).

Guarda anche 

Morosi di cassa malati: Per i ticinesi denunce penali, ma agli asilanti si paga tutto

E’ il colmo: mentre i cittadini svizzeri che non riescono a pagare i premi di assicurazione malattia rischiano di trovarsi la polizia in casa, ai pro...
29.02.2024
Ticino

Cassa malati più cara per i lavoratori frontalieri

I lavoratori frontalieri assicurati con LaMal in Svizzera vedranno aumentare i loro premi di cassa malati. Il Consiglio degli Stati, come il Consiglio nazionale lo scorso...
28.02.2024
Svizzera

Il Consiglio federale si piega alla lobby farmaceutica e gli assicurati pagano 150 milioni in più

È un intervento medico estremamente comune, ma potrebbe costare più di 1'000 franchi in meno: un'iniezione contro la degenerazione maculare costa fi...
04.01.2024
Svizzera

Marco Chiesa e Fabio Regazzi eletti al Consiglio degli Stati

Saranno Marco Chiesa e Fabio Regazzi a rappresentare il canton Ticino nel Consiglio degli Stati per i prossimi 4 anni. Il candidato del Centro, finora Consigliere naziona...
19.11.2023
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto