Sport, 29 novembre 2022

Spuntata e senza Shaqiri. La Svizzera fa il compitino, ma il Brasile ci castiga

Le scelte di Yakin hanno provocato diversi dubbi: perché non inserire una seconda punta dall’inizio in una sfida che ci avrebbe potuto qualificare agli ottavi di finale e senza nulla da perdere?

DOHA (Qatar) – La vittoria colta all’esordio del Mondiale qatariota, forse, ci aveva un po’ illusi. Sì perché della sfida contro il Camerun avremmo dovuto salvare solo il risultato, soltanto l’1-0 firmato da Embolo perché la Svizzera certo non aveva emozionato, anzi… e se il recente passato poteva farci ben sperare per lo scontro diretto col Brasile – visto che con le grandi tra Mondiale, Europeo, Nations League e qualificazioni al Mondiale avevamo sempre fatto bene, senza sfigurare – la partita di ieri di Doha ci ha fatto svegliare dal sogno.
 
 
Per carità, la Svizzera ha giocato in modo quadrato difensivamente, non concedendo praticamente nulla ai Pentacampones se non in due occasioni – gol compreso – ma per una sfida che metteva in palio la qualificazione agli ottavi di finale in caso di vittoria potevamo aspettarci di più… molto di più… anche da parte di Murat Yakin che invece ha preferito chiudersi e, dovendo rinunciare a Shaqiri, ha deciso di puntare su un giovane all’esordio intercontinentale (Rieder) piuttosto che tentare il tutto per tutto inserendo ad esempio Seferovic. Era chiedere troppo? Evidentemente sì. Eppure il gioco valeva la candela… 

 
 
La sconfitta rimediata contro il Brasile (stiamo pur sempre parlando del Brasile!) ha fatto storcere il naso non solo perché ora ci dovremo giocare il passaggio del turno nell’ultima sfida contro la Serbia – e gli incubi di quanto avvenuto con Xhaka, Shaqiri e Lichtsteiner quattro anni fa all’Arena Baltica di Kaliningrad sono ben presenti nei nostri ricordi – sia perché senza lo stesso Shaqiri sembra che questa Nazionale faccia fatica a inventare qualcosa. Per carità, non che contro il Camerun l’ex Bayern e Inter abbia illuminato la scena, ma è altrettanto vero che nei Mondiali il numero 23 rossocrociato ha spesso messo la sua firma. Ieri sera invece, la Svizzera si è solo accontentata, senza provare mai a graffiare, senza un sussulto, senza un lampo e questo, sicuramente, farà discutere molto da qui a venerdì quando i serbi ci aspetteranno al varco.

Guarda anche 

WhatsApp spodesta Migros e diventa il marchio più popolare in Svizzera

Per la prima volta, è un marchio americano a essere il più apprezzato in Svizzera. Il servizio di messaggistica WhatsApp ha infatti spodestato Migros. Il se...
02.02.2023
Svizzera

Un turista svizzero annega in Brasile nel tentativo di salvare una persona

Un turista giurassiano di 27 anni è annegato in Brasile mentre tentava di soccorrere una persona in difficoltà in acqua. La tragedia è avvenuta la sc...
27.01.2023
Svizzera

“Godiamoci questo Lugano e sosteniamo la squadra”

LUGANO - Angelo Renzetti a ruota libera: sui Mondiali di calcio, la nostra Nazionale e, non potevano mancare, le squadre ticinesi impegnate nei vari campionati....
16.01.2023
Sport

Marocco, la rivelazione. Al Infantin: il voto peggiore!

LUGANO - TOP LE FINALISTE: Entrambe meritano il voto massimo: anche stavolta abbiamo avuto un vincitore degno e meritevole. L’Argentina si è aggrappata ...
20.12.2022
Sport