Sport, 10 novembre 2022

Nel segno di Mattia: Bottani regala il Sion ai campioni in carica

Senza perdere mai la bussola, il Lugano ha superato il Winterthur in una serata piovosa e rovinata… dal poco pubblico

LUGANO – Doveva esserci il tutto esaurito a Cornaredo. Doveva esserci il pienone che la Coppa Svizzera vinta a maggio meritava. A Cornaredo ieri sera doveva esserci il pubblico delle grandi occasioni, vista l’entrata gratuita decisa dalla società. Dovevano esserci tutti a Lugano ieri sera, per omaggiare la squadra del Crus, capace di riportare un trofeo sulle rive del Ceresio dopo tantissimi anni, e anche per ringraziare una società che aveva deciso di regalare i biglietti (a trovarne…). E invece? E invece è bastata un po’ di pioggia per convincere molti a starsene a casa al coperto… un vero peccato che ha un po’ rovinato quella che doveva essere e alla fine è stata una serata di festa.
 
 
Sì, una festa, quella maturata dopo 90’ comunque complicati, durante i quali i bianconeri sono stati bravi a non perdere mai la retta linea, riuscendo a gestire sia l’euforia, la voglia e la grinta, sia le difficoltà che il Winterthur si sapeva poteva presentare. Gli zurighesi, terribile neo promossa del campionato, non a caso hanno subito soltanto 5 reti nelle ultime 7 partite di campionato e, in vista di domenica, sarebbe bene ricordarselo. Tornando a quanto visto ieri sera a Cornaredo, la festa potremmo dire che è stata completa: non solo perché il Lugano ha risposto alla grande ai cambi e agli input di Croci-Torti, ma anche perché la rete della vittoria porta due firme ticinesi. Assist di Arigoni e rete di Mattia Bottani. Cosa volere di più? 

 
 
Ovvio, il cammino verso il bis in Coppa è lungo, contorto, complicato e pieno di insidie – a partire dal quarto di finale contro il Sion – ma il Lugano resta in corsa per ambire a rialzare al cielo il trofeo e non è cosa da poco. Così come non è stato evidente rivedere in campo ieri Celar dopo il brutto infortunio subito poche settimane fa… insomma, tutto è bene quel che finisce bene. Sperando che la prossima volta la pioggia non faccia capolino sopra Cornaredo, altrimenti ci si bagna e si preferisce stare a casa…

Guarda anche 

Alé Svizzera: con coraggio e senza provocazioni

DOHA (Qatar) – Ci siamo. La partita che, al momento della definizione del calendario del Mondiale, era stata indicata come decisiva per le sorti della Nazionale a Q...
02.12.2022
Sport

Muore a 22 anni durante un allenamento: dramma in Argentina

SAN MIGUEL DE TUCUMAN (Argentina) – Un’autentica tragedia si è abbattuta sul calcio colombiano e argentino: a 22 anni è morto improvvisamente il...
01.12.2022
Sport

Inghilterra-USA, anno 1950: la brutta figura dei “maestri”

LUGANO - La sorprendente sconfitta dell’Argentina contro l’Arabia Saudita ai Mondiali del Qatar conferma, semmai ce ne fosse bisogno, che nel calcio come...
01.12.2022
Sport

Casemiro condanna la Svizzera: il Brasile vince 1-0

DOHA (Qatar) – Se contro il Camerun ci aveva pensato Embolo a togliere le castagne dal fuoco per una Svizzera non esattamente brillante, questa volta contro un Bras...
28.11.2022
Sport