Svizzera, 08 ottobre 2022

Moglie di un politico PLR condannata per aver insultato i russi su internet

Una cittadina ucraina residente nel canton Argovia è stata condannata per i suoi violenti propositi contro i russi pubblicati sui social network. La donna ripetutamente insultato su Facebook i russi che vivono in Svizzera. Tra la fine di febbraio e la fine di marzo, questa 55enne aveva ripetutamente insultato i russi residenti in Svizzera. "Onore all'Ucraina, morte ai russi: nazisti e fascisti siano dannati", aveva ad esempio scritto sulle piattaforme Facebook e Instagram. Un altro commento recitava: "Messaggio per russi e bielorussi che vivono in Svizzera: vi odio, i vostri nipoti e figli saranno maledetti fino alla decima generazione, siete nazisti e fascisti".

La donna è stata quindi condannata dalla procura di Lenzburg-Aarau a una pena sospesa di 70 aliquote giornaliere a 210 franchi e a pagare una multa di 2'000 franchi, secondo quanto riportato dall'Aargauer Zeitung. In causa sono una quindicina di messaggi pubblicati su Facebook e Instagram. Inoltre, dovrà pagare spese processuali e di polizia che ammontano a 1'821,50 franchi svizzeri.



Nell'ordinanza penale, di cui il quotidiano argoviese ha ottenuto una copia, si legge che la 55enne ha agito "ripetutamente, intenzionalmente e insistentemente" contro gli utenti della piattaforma. Voleva "comunicare loro un atteggiamento ostile nei confronti delle persone di origine russa e creare un clima di ostilità nei loro confronti".

La donna argoviese è stata denunciata da una donna di cui non si rivela l'identità e con la quale l'imputata aveva ripetutamente litigato su Facebook. Secondo l'ordinanza penale, i due non si conoscono personalmente e si sarebbero accaniti "a causa delle loro diverse opinioni politiche". In almeno un video, che nel frattempo è scomparso dai social network, si vede anche il marito della donna ucraina, un politico locale del PLR. Tuttavia, questa apparizione non ha conseguenze legali in quanto l'uomo non avrebbe fatto dichiarazioni condannabili.

La coppia stessa ha presentato una denuncia penale a marzo contro l'associazione russa Rodnik, con sede a Menziken (AG). La coppia ritiene di essere stata chiamata "nazista" per diversi anni dai membri di questa associazione. Il caso è attualmente pendente presso la procura di Zofingen-Kulm.
 

Guarda anche 

Massaggiatore spiava i clienti con una telecamera nascosta, condannato

Un massaggiatore attivo a Losanna spiava i clienti con un telefono nascosto nello spogliatoio femminile. Una sua cliente aveva scoperto l'oggetto mentre si cambiava, ...
06.02.2023
Svizzera

Deve pagare migliaia di franchi per aver incollato male la vignetta autostradale

Un cittadino tedesco di 53 dovrà pagare caro l'aver incollato male sul parabrezza la vignetta autostradale. E dire che, in prima istanza, l'uomo era stato ...
01.02.2023
Svizzera

VIDEO - Imbarazzo Djokovic: il padre in posa con i sostenitori di Putin agli Australian Open

MELBOURNE (Australia) – Srdjan Djokovic, padre di Novak, non è nuovo a uscite strampalate e ad affermazioni dubbie, a difesa del figlio. Questa volta a non p...
26.01.2023
Sport

Autore di due risse violente, viene espulso ma evita il carcere

Un cittadino kosovaro di 24 anni è comparso la scorsa settimana davanti al Tribunale distrettuale di San Gallo. L'uomo si era reso protagonista di due risse ne...
26.01.2023
Svizzera