Svizzera, 06 ottobre 2022

Condannato a 8 anni di carcere per un accoltellamento dopo un litigio a un semaforo

Un automobilista residente nel canton Zurigo è stato condannato in appello a 8 anni di carcere per aver preso a coltellate un motociclista che, a suo dire, lo aveva insultato a un semaforo. L'episodio risale all'aprile 2020: un imbianchino indipendente e padre di famiglia era in attesa a un semaforo su una strada del canton Zurigo e un motociclista si era fermato alla sua altezza. Da quel momento in poi, le versioni differiscono. Il motociclista ha detto di aver scosso la testa perché il conducente non era partito al verde. Il motociclista 57enne, tuttavia, sostiene di essere stato insultato e di aver ricevuto il dito medio, come riporta la "NZZ".

Poco dopo, i due uomini si sono incontrati in una stazione di servizio di Adliswil (ZH). Secondo i filmati delle telecamere a circuito chiuso, il motociclista era entrato nel negozio mentre il conducente del veicolo si era sporto dal lato del sedile del passeggero per prendere un oggetto prima di dirigersi verso la moto. All'uscita del negozio, il motociclista è stato accoltellato all'addome dall'aggressore. L'aggressore aveva colpito anche la vittima alla testa, ma l'uomo era protetto dal casco. Anche la giacca del motociclista aveva fatto da scudo, ma la ferita aveva comunque richiesto un intervento chirurgico.



Nel processo di prima istanza, il pittore era stato condannato a 5 anni e 2 mesi di reclusione. Aveva fatto ricorso, così come il pubblico ministero. Martedì, davanti al Tribunale cantonale di Zurigo, l'imputato ha dichiarato che l'oggetto che aveva preso dall'auto era il portafoglio e non un coltello. Ha detto di aver voluto parlare con il motociclista, ma di essersi spaventato quando quest'ultimo gli si è avvicinato. Infine, ha affermato di aver inferto una sola coltellata, all'addome, ma di non aver mirato alla testa o al collo. Il suo avvocato ha ritenuto che il tribunale di primo grado avesse distorto i fatti e ha chiesto che la pena del suo cliente fosse ridotta a 18 mesi con sospensione della pena per lesioni personali semplici.

Ma il pubblico ministero zurighese chiedeva invece 8 anni di carcere, considerando che il pittore si era reso colpevole di tentato omicidio. La Corte d'appello ha seguito questa raccomandazione. Il presidente della corte d'appello ha sottolineato che è stato solo un caso che la vittima non abbia riportato ferite gravi o addirittura mortali. Ha anche notato la "calma impressionante" dell'imputato, che ha mostrato "totale disprezzo per la vita umana" non esitando a pugnalare il motociclista per un motivo futile. Inoltre, una perizia psichiatrica non ha evidenziato alcuna limitazione della responsabilità dell'imputato. Infine, sono stati confermati i 5'000 franchi riconosciuti alla vittima per danni morali in prima istanza.

Guarda anche 

7 anni di carcere e espulsione per aver “scalpato” un uomo

Il tribunale penale di Littoral e Val-de-Travers, nel canton Neuchâtel, ha condannato uno spacciatore a sette anni di carcere per tentato omicidio, reati gravi e vi...
03.02.2023
Svizzera

Dipendente dall'assistenza, riesce a evitare l'espulsione perchè è diventato pensionato

Un pensionato spagnolo è riuscito a evitare l'espulsione dalla Svizzera grazie al ricorso presentato al Tribunale federale. Il suo cantone di residenza, Appenz...
03.02.2023
Svizzera

In cinque rischiano l'espulsione per una brutale aggressione a un passante

Durante una notte in cui avevano alzato il gomito per le vie del centro di Zurigo, cinque giovani avevano aggredito un uomo di 34 anni sulla Langstrasse. Per il malcapita...
31.01.2023
Svizzera

Due automobilisti vengono alle mani dopo un tamponamento

Un singolare episodio ha avuto luogo sull'autostrada nei pressi di Zurigo venerdì mattina, poco prima delle 7.00. Come riferisce la polizia cantonale di Zurigo...
27.01.2023
Svizzera