Mondo, 30 settembre 2022

L'ambasciata italiana a Mosca: "Valutate se lasciare la nazione"

L'ambasciata italiana a Mosca ha invitato tutti i cittadini italiani presenti in Russia di valutare la possibilità di lasciare il Paese. 

 

“Considerata la più recente evoluzione del contesto internazionale e la crescente difficoltà nei collegamenti aerei e su strada in uscita dalla Russia, si raccomanda ai connazionali presenti in Russia di valutare se la permanenza sia necessaria e, in caso contrario, di lasciare il Paese”, recita una nota dell’ambasciata d’Italia a Mosca. 
 

“Sta diventando progressivamente più difficile spostarsi per via aerea dalla Federazione Russa verso l’Italia e altri Paesi terzi. In particolare, si registra in questi giorni un vertiginoso aumento del costo già elevato dei biglietti venduti dalle compagnie aeree e si ha notizia di lunghe code in alcuni valichi di frontiera che collegano la Federazione Russa con alcuni Paesi confinanti”, prosegue il comunicato.
 

“In considerazione del permanere della chiusura dello spazio aereo ai voli provenienti dalla Federazione Russa disposto dall’Unione Europea lo scorso 27 febbraio, si raccomanda fortemente a tutti i connazionali presenti in Russia di programmare il più possibile in anticipo gli spostamenti verso l'estero”. 

 

Guarda anche 

“La guerra in Ucraina ha mostrato la debolezza dell'UE”

Il primo ministro finlandese Sanna Marin ha dato venerdì una valutazione "molto onesta" delle capacità dell'Europa di fronte alla guerra de...
03.12.2022
Mondo

Se è Gianni Infantino a salvare l'invasore in Qatar

Mario Ferri, per tutti “il Falco”, ha colpito ancora. Lo ha fatto a modo suo, con un’invasione durante il mondiale in Qatar nell’incontro tra P...
02.12.2022
Mondo

Poliziotto adesca una minorenne online e uccide i suoi famigliari

Un poliziotto ha adescato una minorenne online, ha ucciso tre suoi famigliari appiccando poi le fiamme nella loro casa ed è scappato con la ragazzina, prima di ...
29.11.2022
Mondo

I padroni muoiono nella frana, il cane si rifugia nell'auto, la storia di Yuki

Yuki abbaiava forte. Voleva farsi sentire, sperando che qualcuno potesse venire a salvarlo. Urlava, Yuki, contro quel mondo al contrario dentro a una Toyota Yaris capo...
29.11.2022
Mondo