Svizzera, 27 settembre 2022

Un'intera famiglia a processo per traffico di stupefacenti

Una famiglia di sei cittadini kosovari è accusata di essere coinvolta in un'importante traffico di droga tra il 2014 e il 2018. Durante il primo giorno di udienza al Tribunale di Vevey (VD), il giudice ha cercato di determinare i ruoli di ciascun membro di questa famiglia residente nel canton Vaud. Un traffico che coinvolge diverse centinaia di chili di cannabis e, per alcuni di loro, qualche chilo di cocaina.

Il padre trasportava hashish e marijuana dalla Spagna, prima di rivenderli ai suoi due figli in Svizzera, incassando una commissione nel processo. Questi ultimi hanno confermato di essere i grossisti e i rivenditori dello stupefacente. La merce era conservata a casa di madre e figlia. La figlia, che fungeva da intermediaria tra gli uomini, ammette di aver raccolto e confezionato la droga, effettuando al contempo trasferimenti di denaro. Anche il marito ha partecipato nel commercio.



Un'attività nata per "pagare i debiti" o "far quadrare i conti", ma che, secondo la famiglia, sarebbe durata solo un anno, nel 2017. Secondo il padre, che si trova in detenzione preventiva da quattro anni, non è mai stato impartito alcun ordine, ognuno era libero di muoversi. "Non mi ha puntato il coltello alla gola. L'ho fatto perché ne avevo bisogno", ripete uno dei figli. "Quando non hai soldi, la tentazione è forte, perché sono soldi facili", dice l'uomo che ora è il suo ex cognato.

Tra hashish e marijuana, il 60enne è sospettato di aver raccolto un fatturato di almeno 768'000 franchi. La sfida di questa lunga udienza è anche quella di determinare l'entità di questo traffico. Il processo durerà fino alla fine della settimana.

Guarda anche 

Tutti i monaci positivi al test antidroga: chiuso tempio buddista

THAILANDIA – In Thailandia un tempio buddista è stato chiuso dopo che tutti i monaci presenti sono risultati positivi a un controllo antidroga. È acca...
01.12.2022
Magazine

Condannata per tentato omicidio contro la figlia, non verrà espulsa perché "bene integrata"

Una cittadina camerunense, in Svizzera dal 2007, è stata condannata 30 mesi di carcere, di cui 260 giorni da scontare, per aver quasi ucciso a coltellate la fig...
04.11.2022
Svizzera

Un clan balcanico a processo per sevizie sulle mogli

L'atto d'accusa di 34 pagine descrive le malefatte di un padre e dei suoi quattro figli nei confronti delle loro mogli. I membri di un clan originario dei balcani...
03.11.2022
Svizzera

Condannata perchè i suoi cani hanno ucciso un gatto

Una proprietaria di due cani è stata condannata perchè i suoi animali hanno ucciso un gatto, nel dicembre 2020. Accusata di aver lasciato incustoditi i s...
26.10.2022
Svizzera