Svizzera, 27 settembre 2022

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi tre figli nati nel 2004, 2009 e 2014, una madre in assistenza non avrebbe più dovuto aver diritto agli assegni familiari integrativi cantonali. In precedenza, quando i figli erano in Svizzera, riceveva 884 franchi al mese. Per riottenere questa entrata mensile, la donna ha finto che i figli fossero tornati in Svizzera e li ha registrati nuovamente all'Ufficio del controllo abitanti di Losanna nel gennaio 2019.



La sua nuova domanda di prestazioni familiari integrative è stata poi accettata. Quando i servizi sociali scoprirono la truffa, nel 2021, l'importo totale del denaro indebitamente ricevuto era di circa 25’900 franchi. La donna è stata quindi condannata per frode a sei mesi di reclusione sospesi per due anni.
 
 

Guarda anche 

Milionari, facevano finta di essere poveri per ricevere prestazioni sociali

Una coppia di milionari bernesi è accusata di frode per aver beneficiato di prestazioni sociali senza averne diritto. Durante una perquisizione al loro domicilio, ...
29.02.2024
Svizzera

Viene truffata due volte e finisce per essere condannata per riciclaggio

Una donna residente in Vallese è riuscita a farsi truffare due volte dalla stessa persona e, se ciò non fosse abbastanza, è finita per essere condann...
16.02.2024
Svizzera

Vuole spostare l'auto di pochi centrimetri mentre è ubriaca, si ritrova con 10'000 franchi di multa

È una vicenda quantomeno singolare, per non dire sfortunata, quella avvenuta a una donna di Lucerna un sabato pomeriggio nell'estate del 2022. La donna si era ...
13.02.2024
Svizzera

Perde 40'000 franchi col gioco d'azzardo, ma la banca doveva fermarla (e dovrà risarcirla)

Un debito di 40'000 franchi di una ex cliente di PostFinance, contratto a causa di un errore informatico della banca, dovrà essere cancellato. La giustizia rit...
11.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto