Svizzera, 10 settembre 2022

Futuro incerto per le finanze della Confederazione, secondo una commissione

Secondo la Commissione delle finanze del Consiglio nazionale le finanze del governo federale hanno un futuro difficile. Le decisioni prese dal Parlamento negli ultimi sei mesi potrebbero portare a uno squilibrio finanziario già nel 2024.

Senza misure drastiche, entro due anni sarà inevitabilmente necessario prendere in considerazione un aumento delle imposte o un taglio delle spese, ha scritto venerdì la commissione. Con diversi progetti ancora nelle mani del Parlamento, quest'ultimo può ancora limitare la spesa.



Il ministro delle Finanze Ueli Maurer prevede attualmente un deficit strutturale di 1,1 miliardi di franchi per il 2024, di 3 miliardi di franchi per il 2025 e di 3,1 miliardi di franchi rispettivamente per 2026.

La Commissione è anche preoccupata per il risultato della Banca Nazionale Svizzera. A causa delle ingenti perdite, la Confederazione e i Cantoni potrebbero dover rinunciare alla distribuzione degli utili per il 2023, ciò che comporterebbe una pressione ancora maggiore sul bilancio federale.

Guarda anche 

La Confederazione spende 60'000 franchi per una gita scolastica in India

Che un ente pubblico contribuisca al finanziamento di attività scolastica, come una gita, non è nulla di nuovo. Ma forse hanno esagerato all'istituto Al...
14.04.2024
Svizzera

Il Consiglio annuncia un deficit di 1,4 miliardi di franchi e tagli nel trasporto pubblico e nei politecnici

La Consigliera federale Karin Keller-Sutter ha presentato i conti 2023 della Confederazione, che sono risultati essere migliori di quanto preventivato. Ma fanno comunque ...
15.02.2024
Svizzera

L'esercito ha speso troppo e ora ha un buco miliardario nelle sue finanze

L'esercito svizzero si trova in una situazione finanziaria molto più grave di quanto si pensasse finora. L'annuncio della cancellazione di due grandi manif...
02.02.2024
Svizzera

La Confederazione vuole vietare la pubblicità prodotti zuccherati ai minorenni

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la pubblicità dei prodotti ricchi di zucchero non è adatta ai bambini. I suoi rappresenta...
28.01.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto