Sport, 18 luglio 2022

Quando il cuore non basta: Svizzera, Europeo finito

Le rossocrociate contro la quotata Olanda ci hanno provato, hanno dato tutto quello che avevano ma mi sono arrese nei minuti conclusivi, venendo eliminate

SHEFFIELD (Gbr) – Spesso e volentieri l’espressione “eliminati a testa alta” via abusata e utilizzata solo per giustificare un’eliminazione subita. Non in questo caso. Non se analizziamo quanto fatto dalla Svizzera femminile all’Europeo in corso d’opera in Inghilterra. Non se guardiamo come le rossocrociate hanno reagito dopo il 2-2 iniziale contro il Portogallo (dopo aver sciupato un doppio vantaggio) affrontando con testa e coraggio e voglia prima la Svezia e infine l’Olanda. Ieri contro le Oranje, le elvetiche hanno dato tutte loro stesse fino ai minuti finali, nell’intento di compiere l’impresa, ovvero battere le campione europee in carica, per superare la fase a gironi, ma alla fine tutti gli sforzi profusi si sono arenati contro la forza delle avversarie. L’1-4 conclusivo non è così veritiero, visto che le olandesi hanno trovato il 2-1 soltanto all’84’ e hanno dilagato all’89’ e al 95’, con la Svizzera proiettata in avanti e senza speranze.
 
 
L’obiettivo era solo uno: vincere per passare il turno. Non c’erano altre combinazioni di risultati per centrare l’accesso alla fase successiva. Nessun calcolo, solo la vittoria. Certo, la fortuna non è stata dalla nostra, vista la goffa autorete della Crnogorcevic ad aprire le marcature, ma le nostre ragazze sono riuscite a impattare immediatamente la contesa grazie a Reuteler, prima del rocambolesco finale, condizionato prima dal clamoroso errore della Sow – che poteva portarci al turno successivo – e poi dal 2-1 della Leuchter che ha dato il la al largo 4-1. 

 
 
Finisce così il sogno elvetico a Euro 2022, ma le ragazze di Nils Nielsen ci hanno creduto, ci hanno provato, hanno lottato e hanno dato sempre il tutto per tutto, in pieno spirito sportivo e competitivo. Come detto prima: un’eliminazione completamente a testa alta.

Guarda anche 

“Paradiso: una parte molto importante della mia vita”

PARADISO - Le principali doti di Antonio Caggiano, presidente del Paradiso e municipale della Lega dei Ticinesi nel comune che sorge ai bordi del lago Cere...
07.02.2023
Sport

Lugano, c’è poco.. Di Giusto

WINTERTHUR – C’era in ballo il secondo posto e invece il Lugano si ritrova terzo e solamente a +8 sulla zona retrocessione. Che fosse un campionato di Super L...
06.02.2023
Sport

WhatsApp spodesta Migros e diventa il marchio più popolare in Svizzera

Per la prima volta, è un marchio americano a essere il più apprezzato in Svizzera. Il servizio di messaggistica WhatsApp ha infatti spodestato Migros. Il se...
02.02.2023
Svizzera

Bello, ricco e anche famoso. All’occorrenza stupratore

LUGANO - Il recente caso del calciatore Dani Alves ha scosso nuovamente le coscienze: il brasiliano - famoso, ricco, un tempo pieno di talento calcistico - è ...
02.02.2023
Sport