Svizzera, 04 giugno 2022

La Svizzera verserà oltre 110 milioni di franchi all'Ucraina

La Svizzera stanzierà un totale di oltre 110 milioni di franchi per aiutare l'Ucraina dall'inizio della guerra. Di questi 110 milioni la Segreteria di Stato dell'economia (Seco) ha già versato 30 milioni di franchi mentre la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) ha stanziato 25 milioni di franchi.

Inoltre, è in corso di approvazione un ulteriore credito di 61 milioni, ha dichiarato la direttrice della DSC Patricia Danzi (nella foto) in conferenza stampa. Questi importi si riferiscono al 2022.

Inoltre, la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM) ha stanziato 6 milioni di franchi svizzeri per aiutare la Polonia a gestire meglio il flusso di rifugiati. "Questi importi non comprendono le donazioni di privati, ad esempio tramite la Catena della Solidarietà. Gli svizzeri sono molto generosi", ha detto Danzi.

Il fatto che la Svizzera disponesse già di una "base solida con le ONG locali" ha permesso di essere efficace. Non appena
è scoppiato il conflitto, il 24 febbraio, sono stati forniti aiuti d'emergenza per 5,7 milioni di franchi. "Oggi le esigenze sono un po' diverse. Vi sono gravi problemi idrici e sanitari e la situazione nella parte orientale del Paese, a Lugansk e Donetsk, è difficile da valutare" ha aggiunto Danzi. La Svizzera ha poco o nessun accesso alla regione, o solo indirettamente attraverso la sua ambasciata a Mosca.

La DSC ha sottolineato che l'aiuto all'Ucraina non va a scapito di altri Paesi bisognosi. L'Africa subsahariana, ad esempio, e i Paesi limitrofi o vicini all'Ucraina non hanno visto diminuire gli stanziamenti per gli aiuti. Seco ha sottolineato che l'Ucraina deve continuare le sue riforme su diversi punti, come la lotta alla corruzione, i diritti democratici e il controllo dell'amministrazione. "La situazione rimane molto instabile", ha riassunto Patricia Danzi, sottolineando il pericolo rappresentato dalle innumerevoli mine posate sul suolo ucraino.

Guarda anche 

“Guardia alta sui permessi ucraini”

LUGANO - Non è tutto oro ciò che luccica. Sebbene sia la popolazione che le autorità ticinesi si sono dimostrate solidali e pronte (meglio di al...
28.07.2022
Ticino

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

"La Russia non ha ancora cominciato a fare sul serio"

La Russia non ha "ancora iniziato a fare sul serio" in Ucraina, dove sta conducendo un'importante offensiva militare dalla fine di febbraio, ha dichiarat...
08.07.2022
Mondo

Cassis annuncia 100 milioni di franchi di aiuti a favore dell'Ucraina

La Svizzera verserà fino a 100 milioni di franchi svizzeri all'Ucraina entro la fine del 2023, raddoppiando quindi gli aiuti finora promessi. Lo ha annuncia...
05.07.2022
Svizzera