Svizzera, 25 aprile 2022

Fuggito da un centro di Zurigo, un giovane ricercato per terrorismo arrestato in Croazia

Un cittadino svizzero e croato che la polizia federale sospetta essere un pericoloso terrorista è stato arrestato in Croazia, dopo più di un anno di latitanza. L'uomo era in fuga dall'ottobre 2020, dopo essere fuggito dal Centro per giovani adulti e minori di Uitikon (ZH). Descritto come un estremista di destra, era oggetto di un mandato d'arresto internazionale, è stato finalmente individuato dalla polizia croata.

Come riferisce il "Tages-Anzeiger", che ripercorre la singolare vicenda di questo apprendista elettricista, il giovane arrestato ha iniziato la sua carriera criminale molto presto. Nel suo villaggio nella Svizzera nord-orientale, si divertiva a costruire ordigni esplosivi e a farli esplodere in una foresta. Attivo in gruppi estremisti di destra sul web, aveva persino annunciato di "voler sparare in alcune sale di preghiera" o "uccidere alcuni musulmani". Dopo gli attacchi a due moschee nella città di Christchurch in Nuova Zelanda nel marzo 2019 in cui morirono 51 persone, il giovane annuncia di voler compiere attentati simili.

Pubblica un video degli attentati di Christchurch sulla piattaforma Instagram e proclama: "Un giorno farò la stessa cosa". "Dove?", gli chiede un follower. "Da qualche parte in Svizzera". Questo incitamento all'odio contro i musulmani non è rimasto inosservato all'FBI, che ha allertato le autorità svizzere. Il giovane all'epoca
ha solo 17 anni. È stato quindi tenuto in detenzione per alcuni giorni ma, non appena è stato rilasciato, ha ordinato chili di prodotti chimici da una farmacia online per costruire ordigni esplosivi. È allora stato nuovamente arrestato e imprigionato per quindici giorni prima di essere rilasciato di nuovo.

Appena rilasciato, cerca di ottenere armi da fuoco e granate. Strettamente seguito dai servizi segreti svizzeri da quando è stato segnalato dall'FBI, è stato allora arrestato per la terza volta. Giudicato pericoloso, è stato posto in terapia nel centro chiuso di Uitikon. È riuscito a fuggire nell'ottobre 2020. In un'intervista al "Tages-Anzeiger" concessa prima della sua fuga, non aveva negato di aver fatto discorsi di odio contro i musulmani o di aver annunciato ripetutamente un attacco alle moschee.

Nella stessa intervista, tuttavia, il giovane assicura che non sarebbe mai passato all'azione: "Mai. Mai. Mai. Non sarò in grado di farlo". E per concludere: "Mi dispiace molto. Preferirei dimenticare tutto. Di nazionalità svizzera e croata, il fuggitivo sarebbe stato arrestato poco dopo un'intervista alla televisione svizzera SRF, mentre lavorava alla costruzione della sua seconda casa in Croazia senza essere disturbato dalle autorità locali per mesi, nonostante il mandato internazionale. Ora dice che "vuole tornare alla normalità".

Guarda anche 

Eliminato dalla Champions: “Ho ricevuto 450 minacce di morte”

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il risultato più clamoroso degli ultimi due giorni della Champions League è stata l’eliminazione del Bayern Monac...
19.04.2022
Sport

Arresto cardiaco in aereo: salvato da 4 sanitari a bordo. “Insospettiti da come russava”

VENEZIA (Italia) – Tre infermieri e un’operatrice socio-sanitaria di Chioggia hanno salvato la vita a un 32enne a bordo del volo EasyJet partito da Venezia e ...
17.04.2022
Magazine

Spara al cameriere perchè stufo di aspettare, arrestato mentre cerca di fuggire in Svizzera

Domenica un uomo ha sparato più volte a un giovane cameriere in un ristorante di Pescara, in Italia, perché era arrabbiato per la lunga attesa del second...
12.04.2022
Mondo

L'uomo ucciso dalla polizia a Zurigo aveva rapito un esperto della Confederazione

Il cittadino tedesco rimasto ucciso mercoledì durante un intervento della polizia a Wallisellen, un sobborgo di Zurigo, aveva rapito un funzionario molto in vis...
10.04.2022
Svizzera