Svizzera, 25 aprile 2022

Fuggito da un centro di Zurigo, un giovane ricercato per terrorismo arrestato in Croazia

Un cittadino svizzero e croato che la polizia federale sospetta essere un pericoloso terrorista è stato arrestato in Croazia, dopo più di un anno di latitanza. L'uomo era in fuga dall'ottobre 2020, dopo essere fuggito dal Centro per giovani adulti e minori di Uitikon (ZH). Descritto come un estremista di destra, era oggetto di un mandato d'arresto internazionale, è stato finalmente individuato dalla polizia croata.

Come riferisce il "Tages-Anzeiger", che ripercorre la singolare vicenda di questo apprendista elettricista, il giovane arrestato ha iniziato la sua carriera criminale molto presto. Nel suo villaggio nella Svizzera nord-orientale, si divertiva a costruire ordigni esplosivi e a farli esplodere in una foresta. Attivo in gruppi estremisti di destra sul web, aveva persino annunciato di "voler sparare in alcune sale di preghiera" o "uccidere alcuni musulmani". Dopo gli attacchi a due moschee nella città di Christchurch in Nuova Zelanda nel marzo 2019 in cui morirono 51 persone, il giovane annuncia di voler compiere attentati simili.

Pubblica un video degli attentati di Christchurch sulla piattaforma Instagram e proclama: "Un giorno farò la stessa cosa". "Dove?", gli chiede un follower. "Da qualche parte in Svizzera". Questo incitamento all'odio contro i musulmani non è rimasto inosservato all'FBI, che ha allertato le autorità svizzere. Il giovane all'epoca
ha solo 17 anni. È stato quindi tenuto in detenzione per alcuni giorni ma, non appena è stato rilasciato, ha ordinato chili di prodotti chimici da una farmacia online per costruire ordigni esplosivi. È allora stato nuovamente arrestato e imprigionato per quindici giorni prima di essere rilasciato di nuovo.

Appena rilasciato, cerca di ottenere armi da fuoco e granate. Strettamente seguito dai servizi segreti svizzeri da quando è stato segnalato dall'FBI, è stato allora arrestato per la terza volta. Giudicato pericoloso, è stato posto in terapia nel centro chiuso di Uitikon. È riuscito a fuggire nell'ottobre 2020. In un'intervista al "Tages-Anzeiger" concessa prima della sua fuga, non aveva negato di aver fatto discorsi di odio contro i musulmani o di aver annunciato ripetutamente un attacco alle moschee.

Nella stessa intervista, tuttavia, il giovane assicura che non sarebbe mai passato all'azione: "Mai. Mai. Mai. Non sarò in grado di farlo". E per concludere: "Mi dispiace molto. Preferirei dimenticare tutto. Di nazionalità svizzera e croata, il fuggitivo sarebbe stato arrestato poco dopo un'intervista alla televisione svizzera SRF, mentre lavorava alla costruzione della sua seconda casa in Croazia senza essere disturbato dalle autorità locali per mesi, nonostante il mandato internazionale. Ora dice che "vuole tornare alla normalità".

Guarda anche 

Una donna svizzera arrestata in Finlandia per aver filmato delle esercitazioni NATO

Secondo quanto riportato dai media norvegesi, una cittadina svizzera ha filmato parti dell'esercitazione di un'esercitazione militare della NATO in Finlandia. Nel...
22.03.2024
Mondo

Collassa in campo: è un arresto cardiaco. Paura in Premier League

BOURNEMOUTH (Gbr) – A gelare tutto il pubblico presente sugli spalti non è stato il vento di Bournemouth, o la posizione in classifica dei padroni di casa o ...
17.12.2023
Sport

“Devi fare la fine di Giulia Cecchetin”: Daspo di 5 anni al padre che ha minacciato l’arbitra di 17 anni

PADOVA (Italia) – Ha subito un Daspo di 5 anni un 50enne di Camposampiero, in provincia di Padova, per le invettive sessiste rivolte a una ragazza di 17 anni, arbit...
14.12.2023
Magazine

Si filma mentre guida a 300 km/h e pubblica i video su Internet, arrestato

Un automobilista di 26 anni ha avuto l'idea di riprendersi mentre guidava a oltre 300 km/h su autostrade del canton Berna e nel Vallese, per poi pubblicarle sui socia...
07.12.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto