Svizzera, 18 aprile 2022

L'ATE vuole lanciare un'iniziativa per vietare le auto a benzina dal 2030

Dopo il fallimento della legge sul CO₂ alle urne nel giugno 2021, l'Associazione Trasporti e Ambiente (ATE) vuole fare pressione sulla politica ambientale svizzera. Sta quindi lavorando a due iniziative popolari sul clima, ha riferito domenica il SonntagsBlick, citando delle bozze ben sviluppate di entrambi i testi.

La prima iniziativa è rivolta al traffico stradale: "Le nuove autovetture e i veicoli commerciali leggeri non devono emettere CO2 dal 2030. I veicoli pesanti sarebbero soggetti allo stesso regime, ma dal 2035", secondo la bozza del testo. Di conseguenza, la fine dei motori a benzina sarebbe praticamente sancita dalla Costituzione federale. 


Anders Gautschi, direttore dell'ATE, ritiene che sia necessario agire quanto prima. L'ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) afferma che l'obiettivo dell'accordo di Parigi, cioè limitare l'aumento della temperatura a un grado e mezzo, può essere raggiunto solo con uno sforzo determinato, sottolinea al SonntagsBlick.

La seconda iniziativa chiede una tassa sui passeggeri delle compagnie aeree. Non si sa ancora quanto sarà la tassa, afferma il domenicale svizzerotedesco. Tuttavia, dovrebbe essere collocarsi in una gamma simile a quella della legge sul CO2, cioè tra 30 e 120 franchi al massimo.

Il popolo aveva respinto la legge CO2 nel 2021 proprio a causa delle tasse previste nel progetto. Ma Anders Gautschi è fiducioso che la sua iniziativa possa passare. "Con l'eccezione della base dell'UDC i partiti e anche la popolazione sostengono in modo schiacciante una tassa sui biglietti aerei. Volare è troppo economico al giorno d'oggi, su questo vi è consenso politico", sostiene.

L'ATE propone due modi per utilizzare i fondi raccolti dalla tassa: la promozione dei combustibili sintetici e lo sviluppo del trasporto ferroviario internazionale. Anders Gautschi ritiene che non dovrebbe più essere possibile per le persone volare da Zurigo a Parigi, quando c'è un'alternativa più ecologica sotto forma di un collegamento ferrioviario veloce.

Guarda anche 

Regno Unito, il premier annuncia elezioni anticipate: "Si vota il 4 luglio"

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha annunciato mercoledì che le elezioni legislative si terranno il prossimo 4 luglio, ponendo fine a mesi di suspense sull...
23.05.2024
Mondo

Aveva urlato "allah akbar" e causato l'evacuazione di una scuola, non verrà punito

Il richiedente l'asilo che lo scorso 8 dicembre era entrato nel cortile di una scuola di Cortaillod, nel canton Neuchâtel, urlando minacce che avevano causato l...
08.05.2024
Svizzera

Serafe manda ai figli le fatture impagate dei genitori

Se i genitori non pagano il canone radiotelevisivo è possibile che la società di riscossione, Serafe, finisca per rivolgersi ai figli. Lo ha scoperto a sue ...
28.04.2024
Svizzera

“Vorrei un figlio, ma in Italia non posso”

MILANO (Italia) – Emma Marrone negli scorsi giorni si è confessata con ‘Le Iene’, il programma di Italia 1. Ha parlato del provino di ‘Amic...
22.04.2024
Magazine

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto