Svizzera, 27 febbraio 2022

Condannato a 13 anni di carcere per aver ucciso la ragazza che lo aveva tradito

Un uomo di 25 anni residente a Ginevra, accusato di aver ucciso la sua ragazza nel 2019, è stato giudicato colpevole di omicidio e condannato a 13 anni di prigione. I fatti risalgono al dicembre 2019. La mattina della tragedia, l'imputato, che aveva dubbi sulla fedeltà della sua compagna, ha scoperto che lei aveva una relazione con un altro uomo. La sera, sono andati a mangiare a casa della famiglia del rivale, un amico della coppia. Durante la sera, l'accusato non parla e non mangia. Il suo atteggiamento spaventa gli ospiti presenti. "Era estremamente nervoso, tremava. Sembrava un robot con uno sguardo nero negli occhi", hanno detto i testimoni. Anche la vittima ha paura. Lei non vuole andare a casa con lui. I suoi amici si sono offerti di farla restare per la notte, ma lei ha rifiutato perché aveva paura che lui si sarebbe ucciso.

Tornando al loro appartamento lei gli comunica la sua intenzione di lasciarlo. Scoppia allora una discussione dove, a un certo punto, lui afferra un coltello. Con il passare delle ore, tiene informato l'amante della situazione. "Ho paura. Non lo sento". Poi, sollevata gli scrive "va tutto bene, ho il coltello". Questo è stato l'ultimo messaggio che ha inviato prima della sua morte. La 21enne soccomberà per una coltellata al cuore durante la notte.


Il 25enne è stato anche condannato anche per minacce, lesioni corporali semplici - ha colpito e strangolato la vittima durante la loro relazione - e aggressione ripetuta. È stato giudicato colpevole per tutti i capi d'accusa, tranne che per un'accusa di lesioni personali semplici.



I giudici hanno notato che le dichiarazioni del ginevrino, descritte come confuse, fantasiose, incoerenti, contraddittorie e poco credibili, "devono essere valutate con grande parsimonia", dato che l'imputato cambiava spesso la sua versione e "non era in grado di dare informazioni precise su certi fatti, come il presunto atto suicida del suo compagno".

Le circostanze aggravanti dell'omicidio sono state mantenute in particolare a causa del movente, che era "particolarmente odioso perché era perfettamente futile. Ha preferito ucciderla piuttosto che vederla partire con un altro uomo". Anche il suo atteggiamento dopo la tragedia ha pesato sulla bilancia. Ha lasciato la scena, lasciando la vittima a morire". "Questo non è il comportamento di qualcuno che sta cercando di salvare la persona che ama. Mostra sangue freddo, controllo della situazione e totale disprezzo per la giovane donna", ha detto il giudice che ha presieduto il processo.

Il tribunale lo ha quindi condannato a 13 anni di reclusione, da cui saranno dedotti 820 giorni di detenzione già scontati. Dovrà inoltre pagare 1'000 franchi di multa e versare 190'000 franchi alla famiglia della vittima come risarcimento del danno morale. Le parti possono ancora presentare ricorso contro la sentenza.

Guarda anche 

Una corsa da Cantello a Stabio: gli spari, la morte, il suicidio. Una mezz’ora di gelosia e di follia

STABIO – Iniziano a delinearsi sempre di più gli elementi di quanto avvenuto ieri sera dalle 18:30 in poi tra Cantello e Stabio, dove un 51enne ha prima ucci...
26.07.2022
Ticino

Si masturba davanti a una donna nella spiaggia nudisti: 46enne ucciso a colpi di fucile

VAULX-EN-VELIN (Francia) – Un uomo di 46 anni che si stava masturbando davanti a una donna in una spiaggia per nudisti è stato ucciso a colpi di fucile. Il f...
26.07.2022
Magazine

Madre condannata per aver accoltellato il figlio

Una madre è stata condannata a due anni di carcere per aver accoltellato il figlio, pena sospesa a favore di un trattamento terapeutico. I fatti si sono verific...
18.07.2022
Svizzera

Ruba un'auto a Parigi, ma grazie al localizzatore GPS viene rintracciato in Svizzera

Un'automobile rubata a Parigi è stata ritrovata nel giro di poche ore a Ginevra. Martedì sera, una società privata con sede in Francia ha alle...
13.07.2022
Svizzera