Svizzera, 20 gennaio 2022

Scopre la moglie a letto con un amico e li aggredisce entrambi

Il tribunale cantonale del Vallese ha dovuto affrontare mercoledì un caso di violenza domestica. L'episodio risale all'estate del 2019 quando un quarantenne dell'Alto Vallese ha sorpreso la moglie in una situazione intima con un amico comune. Come riportato dal "Walliser Bote", che cita l'atto d'accusa, il marito tradito li ha poi colpiti entrambi in faccia con un pugno, ha maltrattato la moglie con le sue scarpe e infine le ha gettato addosso la porta della camera da letto da 15 chili.

Più tardi quella sera, l'accusato aveva compiuto vari atti sessuali su sua moglie per diverse ore. Lei aveva ripetutamente affermato che non lo voleva e che lui le stava facendo del male. La vittima è stata poi trovata con vari lividi, lacerazioni e uno strappo nella zona anale. Inoltre, la donna aveva sofferto di depressione e doveva sottoporsi a un trattamento psicologico. L'uomo si è consegnato alla polizia qualche settimana dopo.

L'accusato era davvero "impazzito" e aveva accettato il rischio di provocare una grave ferita alla testa di sua moglie lanciandole la massiccia porta di legno addosso, ha detto il procuratore in tribunale. "Il fatto che la vittima fosse la moglie è aggravante, poiché c'era un rapporto di fiducia". L''uomo è accusato di tentate lesioni personali gravi e aggressioni sessuali multiple nei confronti dell'allora moglie.

L'avvocato difensore dell'accusato, tuttavia, ha sostenuto che a causa della sua corporatura e della posizione del letto, non avrebbe potuto gettare la porta con una forza tale da causare danni mortali a sua moglie. Il suo cliente doveva quindi essere assolto dall'accusa di lesioni personali gravi. Varie circostanze, come la rabbia comprensibile, avrebbero anche un effetto attenuante sulla sentenza. L'accusato stesso, tuttavia, ha dichiarato di aver interpretato gli atti sessuali successivi al tradimento come "sesso di riconciliazione" e non come atti forzati.

In prima istanza, la corte distrettuale aveva dichiarato l'uomo colpevole di aggressione sessuale multipla e di tentate lesioni personali semplici e lo aveva condannato a una pena detentiva sospesa di 30 mesi, sentenza contro cui il 40enne aveva presentato ricorso. Il nuovo verdetto del tribunale cantonale sarà emesso nei prossimi giorni.

Guarda anche 

Aveva accecato il pilota di un Super Puma con un laser, rischia l'espulsione

Nel febbraio dello scorso anno, un elicottero Super Puma delle Forze aeree svizzere si trovava in volo di addestramento sopra il lago di Walen, tra il canton San Gallo e ...
09.05.2022
Svizzera

Ospite di un centro sociale ne uccide un altro, condannato a cinque anni di carcere e espulsione

Due clandestini ospiti di un centro sociale di Losanna erano venuti alle mani nel 2020 in un parcheggio di Ouchy, presso la capitale vodese, finchè uno dei due ha ...
07.05.2022
Svizzera

Condannato per aver filmato le colleghe quando erano in bagno

Un dipendente di una ditta di ingegneria dell'Alto Vallese è stato condannato per aver filmato le colleghe recarsi in bagno. Per un periodo di cinque anni, ave...
06.05.2022
Svizzera

L'organizzazione PETA chiede che siano vietati i combattimenti tra mucche regine

I combattimenti tra mucche della razza Hérens rappresentano una tradizione ormai centenaria del canton Vallese. Ma per l'associazione animalista PETA bisognere...
04.05.2022
Svizzera