Svizzera, 20 gennaio 2022

Scopre la moglie a letto con un amico e li aggredisce entrambi

Il tribunale cantonale del Vallese ha dovuto affrontare mercoledì un caso di violenza domestica. L'episodio risale all'estate del 2019 quando un quarantenne dell'Alto Vallese ha sorpreso la moglie in una situazione intima con un amico comune. Come riportato dal "Walliser Bote", che cita l'atto d'accusa, il marito tradito li ha poi colpiti entrambi in faccia con un pugno, ha maltrattato la moglie con le sue scarpe e infine le ha gettato addosso la porta della camera da letto da 15 chili.

Più tardi quella sera, l'accusato aveva compiuto vari atti sessuali su sua moglie per diverse ore. Lei aveva ripetutamente affermato che non lo voleva e che lui le stava facendo del male. La vittima è stata poi trovata con vari lividi, lacerazioni e uno strappo nella zona anale. Inoltre, la donna aveva sofferto di depressione e doveva sottoporsi a un trattamento psicologico. L'uomo si è consegnato alla polizia qualche settimana dopo.

L'accusato era davvero "impazzito" e aveva accettato il rischio di provocare una grave ferita alla testa di sua moglie lanciandole la massiccia porta di legno addosso, ha detto il procuratore in tribunale.
"Il fatto che la vittima fosse la moglie è aggravante, poiché c'era un rapporto di fiducia". L''uomo è accusato di tentate lesioni personali gravi e aggressioni sessuali multiple nei confronti dell'allora moglie.

L'avvocato difensore dell'accusato, tuttavia, ha sostenuto che a causa della sua corporatura e della posizione del letto, non avrebbe potuto gettare la porta con una forza tale da causare danni mortali a sua moglie. Il suo cliente doveva quindi essere assolto dall'accusa di lesioni personali gravi. Varie circostanze, come la rabbia comprensibile, avrebbero anche un effetto attenuante sulla sentenza. L'accusato stesso, tuttavia, ha dichiarato di aver interpretato gli atti sessuali successivi al tradimento come "sesso di riconciliazione" e non come atti forzati.

In prima istanza, la corte distrettuale aveva dichiarato l'uomo colpevole di aggressione sessuale multipla e di tentate lesioni personali semplici e lo aveva condannato a una pena detentiva sospesa di 30 mesi, sentenza contro cui il 40enne aveva presentato ricorso. Il nuovo verdetto del tribunale cantonale sarà emesso nei prossimi giorni.

Guarda anche 

Un ristoratore truffa la Confederazione per 250'000 franchi e rischia l'espulsione

Il proprietario di un ristorante di Lucerna è riuscito a incassare 250'000 franchi tramite aiuti Covid. L'uomo, un 53enne italiano, a partire da marzo 2020...
23.04.2024
Svizzera

Un 88enne brutalmente aggredito alla stazione di Zurigo (e la polizia aspetta 3 giorni per dirlo)

Sabato sera un marocchino di 31 anni ha aggredito un 88enne svizzero alla stazione centrale di Zurigo. La vittima ha riportato gravi ferite alla testa ed è stata t...
17.04.2024
Svizzera

Una madre a processo per l'omicidio delle due figlie

Una quarantenne rischia l'ergastolo per aver accoltellato le figlie nel gennaio 2021. Per il Ministero pubblico la donna ha commesso questo atto per vendicarsi del pa...
11.04.2024
Svizzera

Un'aggressione sessuale ai danni di una 13enne nei bagni di una scuola sfocia in una denuncia

“Mia figlia di 13 anni è dovuta andare in bagno. Entrò in uno dei cubicoli della scuola e cercò di chiuderlo a chiave. Ma un compagno di classe...
03.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto