Svizzera, 19 gennaio 2022

Con esplosivi illegali e armi finte sul set del film, regista finisce a processo

Le riprese di un film "made in USA" girato nel 2018 nel canton Giura si sono concluse con il regista in tribunale per aver utilizzato delle armi finte e degli esplosivi illegali sul set. Per il suo primo lungometraggio, il regista svizzero Steven Michael Hayes aveva girato delle scene intorno a uno stagno. Per filmare una famiglia che decide di vivere in mezzo alla natura negli anni 80, Hayes aveva fatto costruire una casa di legno in mezzo a una foresta

Come riporta la radio "RFJ", ripresa dai media romandi, la regione del Giura è stata scelta per la sua somiglianza con lo stato americano del Montana, dove si svolge la storia del film. Le riprese sono durate sei settimane per un film di 100 minuti, ma hanno avuto un seguito... al Tribunale di prima istanza a Porrentruy. Il regista del film era infatti stato accusato di reati contro la legge sulle sostanze esplosive e quella sulle armi.

Il problema riguardava un dispositivo pirotecnico fai da te, quindi "illegale". Per quanto sia stato descritto come innocuo, esso aveva richiesto l'intervento della polizia. Un mese dopo, il 22 novembre 2018, una pistola e un revolver importati senza autorizzazione erano stati scoperti in un pacco all'aeroporto di Zurigo.

Condannato a una pena pecuniaria sospesa, il regista aveva presentato ricorso per preservare la sua carriera. L'imputato ha sostenuto che non era presente quando una trappola fittizia chiamata "Booby trap" è stata usata durante le riprese. Il suo ruolo è limitato
alla progettazione e all'allestimento delle scenografie: la gestione degli oggetti di scena non è di sua competenza.

Poiché la presunta violazione della legge sulle sostanze esplosive è caduta in prescrizione, il giudice si è concentrato sulla pistola e sul revolver importati. Lo scenografo ha assicurato al giudice che non ha mai comprato armi finte dall'estero, perché questo era un lavoro per specialisti.

Quando è andato negli Stati Uniti a comprare oggetti di scena, aveva acquistato lattine, torce e mappe, ma non armi finte. Lo scenografo ha suggerito che il costruttore di oggetti di scena potrebbe aver aggiunto delle armi come favore a lui, ma nessun ordine formale è stato fatto.
Secondo l'avvocato dell'imputato, la giustizia giurassiana è stata troppo severa. Durante le riprese di "Jill", una coproduzione di SRF e SRG, il produttore zurighese Christof Neracher ha detto a "RFJ" quanto ha apprezzato l'aiuto locale: ha trovato gli agricoltori del Giura "molto ospitali".
Per il regista, una condanna renderebbe difficile filmare con armi false, nelle prigioni, nelle banche o nelle stazioni di polizia, tutti luoghi dove deve fornire un estratto della sua fedina penale.

Alla fine, il tribunale ha stabilito che "non è possibile qui che sia stato commesso un reato" e il regista è stato quindi assolto da tutte le accuse ed è anche stato rimborsato per le spese sostenute finora.

Guarda anche 

Ex campionessa di boxe accusata di aver ucciso il marito

La mattina del 19 ottobre 2020, il gerente del ristorante Des Alpes di Interlaken, nel canton Berna, è stato trovato morto nel suo appartamento con il cranio ro...
06.12.2022
Svizzera

Dopo un eccesso di velocità, la polizia si presenta al suo domicilio per sequestrargli veicoli e patente

Commette un eccesso di velocità e, tre giorni dopo, la polizia si presenta a casa sua per ritirargli la patente e sequestrare i suoi veicoli. Come riferisce &ldquo...
04.12.2022
Svizzera

Condannata per tentato omicidio contro la figlia, non verrà espulsa perché "bene integrata"

Una cittadina camerunense, in Svizzera dal 2007, è stata condannata 30 mesi di carcere, di cui 260 giorni da scontare, per aver quasi ucciso a coltellate la fig...
04.11.2022
Svizzera

Un clan balcanico a processo per sevizie sulle mogli

L'atto d'accusa di 34 pagine descrive le malefatte di un padre e dei suoi quattro figli nei confronti delle loro mogli. I membri di un clan originario dei balcani...
03.11.2022
Svizzera