Mondo, 08 gennaio 2022

Germania, un uomo accusato di cannibalismo condannato all'ergastolo

Un insegnante tedesco è stato condannato all'ergastolo venerdì da un tribunale di Berlino per aver ucciso, smembrato e parzialmente mangiato un uomo di 43 anni che aveva incontrato su internet. Stefan R., 42 anni, è stato dichiarato colpevole di "omicidio" e "disturbo della pace dei morti". A causa della gravità dei reati, la sua condanna è stata qualificata in modo da renderne quasi impossibile la liberazione anticipata.

Il presidente della corte, Matthias Schertz, ha detto che Stefan R. ha commesso il crimine "per soddisfare le sue fantasie cannibali", descrivendolo come una persona "disumana". Nei suoi 30 anni di carriera, "niente del genere è mai arrivato sulla mia scrivania", ha detto. L'imputato è rimasto in silenzio e impassibile mentre veniva letto il verdetto.

Il 6 settembre 2020, la vittima aveva accettato un incontro sessuale con l'imputato tramite una piattaforma di incontri. L'uomo ha poi presumibilmente preso un taxi per l'appartamento dell'insegnante a Berlino-Pankow, nel nord della capitale tedesca. Stefan R. gli ha poi presumibilmente dato un bicchiere contenente GHB, la "droga dello stupratore",
che gli ha fatto perdere conoscenza.

L'accusato ha poi tagliato la gola della sua vittima e l'ha lasciata morire dissanguata, "perché gli dava una stimolazione sessuale", ha detto il procuratore Martin Glage nei suoi argomenti finali. Una volta morto, l'imputato avrebbe mangiato parte dei suoi arti.

L'indagine sulla sua scomparsa era rimasta in stallo fino a quando degli escursionisti avevano scoperto delle ossa umane in un parco nel nord di Berlino nel novembre 2020. L'indagine ha stabilito che erano i resti di un uomo scomparso.

Analizzando il telefono della vittima, gli inquirenti sono stati in grado di identificare il tassista che aveva portato la vittima a casa dell'accusato. La polizia ha trovato tracce di sangue, altre parti del corpo e diversi strumenti, tra cui una sega per ossa.

C'era "molto sangue della vittima", secondo Martin Glage. Non c'erano prove di un omicidio consensuale: la vittima "voleva uscire viva", ha continuato. Gli investigatori hanno continuato a rivelare che l'accusato aveva già fatto ricerche "concrete e dettagliate" su Internet riguardo al cannibalismo.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo condannato a 3 anni di carcere per un'aggressione, ma non sarà espulso

Un richiedente l'asilo siriano di 19 anni è stato condannato a 3 anni di carcere, di cui uno da scontare, per essersi reso colpevole di aggressione, tentate...
27.11.2022
Ticino

Carcere e espulsione per un datore di lavoro che trattava i dipendenti come schiavi

Era accusato di ben 19 reati, tra cui incitamento al soggiorno illegale, atti di violenza, impiego di stranieri senza i necessari permessi e mancato pagamento degli on...
10.11.2022
Svizzera

La Germania minaccia di sospendere l'acquisto di munizioni svizzere se non può esportarle all'Ucraina

La Germania minaccia di sospendere l'acquisto di munizioni prodotte in Svizzera se quest'ultima non permette la loro riesportazione verso l'Ucraina. Concretam...
01.11.2022
Svizzera

Coppia violenta condannata per aver accoltellato un cameriere in un ristorante

Un uomo di 37 anni e sua moglie di 30 anni hanno dovuto rispondere di vari atti violenti martedì presso il tribunale distrettuale di See-Gaster a Jona (SG). I d...
28.10.2022
Svizzera