Svizzera, 31 dicembre 2021

In assistenza, ma di nascosto fa la prostituta (che ricatta i clienti)

Una cittadina congolose è stata condannata per aver nascosto il suo reddito come lavoratrice del sesso alle autorità, oltre che aver ricattato i clienti con cui lavorava. Come riferisce il portale "ArcInfo", la donna, sulla trentina, tra il 2018 e il 2020 aveva minacciato di rivelare l'inclinazione dei suoi clienti per il sesso sado-masochista se non le avessero pagato dei soldi. Aveva anche avvertito la famiglia e l'entourage professionale delle sue vittime, ha riferito il tribunale. Tre uomini avevano presentato una denuncia, per un totale di nove vittime.

Per questo motivo
il Tribunale cantonale di Neuchâtel ha condannato la lavoratrice del sesso a 20 mesi di carcere da scontare, detenzione a cui seguirà l'espulsione dalla Svizzera. La trentenne non ha ottenuto la sospensione della pena a causa dell'alto rischio di recidiva e "in assenza di una consapevolezza convincente", ha detto il giudice. L'imputata aveva continuato a contattare le sue vittime nonostante il divieto del tribunale. Oltre all'espulsione e alla detenzione, la donna dovrà anche pagare un risarcimento a uno dei querelanti e sottoporsi a un trattamento psicoterapeutico.

Guarda anche 

La SSR condannata per aver censurato dei commenti anti-Covid

Il Tribunale federale (TF) ha dato ragione a un'internauta svittese che ha deciso di lottare fino in fondo dopo che un suo commento sull'account Instagram dell...
30.11.2022
Svizzera

Richiedente l'asilo condannato a 3 anni di carcere per un'aggressione, ma non sarà espulso

Un richiedente l'asilo siriano di 19 anni è stato condannato a 3 anni di carcere, di cui uno da scontare, per essersi reso colpevole di aggressione, tentate...
27.11.2022
Ticino

Estremisti di sinistra vandalizzano dei negozi per protesta contro il Black friday

Almeno due negozi sono stati danneggiati a La Chaux-de-Fonds, nel canton Neuchâtel, giovedì sera. Le vetrine sono state distrutte e sulle facciate sono stati...
25.11.2022
Svizzera

Carcere e espulsione per tre ladri di orologi

Tre uomini, due cittadini algerini e un cittadino libico, sono stati riconosciuti colpevoli di furto a Ginevra. La corte non ha avuto dubbi sul fatto che i tre operass...
25.11.2022
Svizzera