Sport, 07 dicembre 2021

L’Ambri passa al 2G alla Gottardo Arena

Già da questa sera si entrerà in pista solo se vaccinati o guariti dal covid

AMBRÌ- Crescono i casi di covid, arrivano le restrizioni del Consiglio federale e l’Ambrì corre ai ripari: da questa sera alla Gottardo Arena si entrerà soltanto o col vaccino o se si è guariti dal coronavirus.
 
Niente più tampone insomma, per poter evitare di dover indossare per forza la mascherina.
 
Ecco il comunicato del club:
“ L’Hockey Club Ambrì-Piotta comunica che in seguito alla discussione avvenuta questa mattina in seno alla National League, verrà applicato il concetto “2G” per tutte le partite casalinghe a partire da questa sera.
 
Secondo il concetto “2G” (dal tedesco “geimpft” e “genesen”), solo i tifosi vaccinati o guariti possono entrare allo stadio. Con il “2G” non viene introdotto l’obbligo della mascherina
e della consumazione di bevande e cibo da seduti.
 
Il concetto 2G vale a partire dai 16 anni.
 
L’HCAP comunica che squadra, staff, collaboratori e volontari adempiono tutti ai requisiti 2G. Come misura di precauzione aggiuntiva, i collaboratori impiegati nella gastronomia porteranno una mascherina.
 
Il club leventinese informa inoltre che per il momento per gli addetti ai lavori non sotto contratto HCAP (sicurezza, media, produzione TV, squadra ospite,...) vige ancora il concetto 3G ma con obbligo di indossare la mascherina all’interno della pista, indipendentemente dal proprio stato sanitario (2G o 3G).
 
Infine la società biancoblù raccomanda, nonostante l’introduzione di un severo concetto di protezione, di mantenere e continuare ad osservare le note misure personali di igiene”.

Guarda anche 

Il Lugano cala il pokerissimo: i pre playoff sono ormai in cassaforte

LUGANO – Ancora una volta, la quinta in stagione, il derby si tinge di bianconero. E lo fa a pieno merito, nonostante il Lugano abbia dovuto rinunciare all&rsquo...
28.01.2022
Sport

Ha commesso 20 reati e accumulato 400'000 franchi di debiti, dovrà lasciare la Svizzera

Un kosovaro di 52 anni, che abita in Svizzera per 30 anni e ha avuto tre figli sul territorio svizzero, sarà espulso nel suo paese d'origine. Come ripo...
28.01.2022
Svizzera

Nuovo accordo fiscale con l’Italia: altro che “un successo”

Il nuovo trattato con l’Italia sulla fiscalità dei frontalieri è lungi dall’essere il successo che le maggioranze politiche pretendono. ...
27.01.2022
Svizzera

Una miriade di firme per i driver di Divoora. Ma dall'azienda tutto tace

Le condizioni lavorative dei dipendenti di Divoora sono da tempo ormai argomento di indignazione e polemiche: persone pagate pochi centesimi a consegna, che hanno fatt...
27.01.2022
Ticino