Sport, 06 dicembre 2021

Il Lugano va, con Bottani in poppa

La cura del Crus continua a funzionare e dopo il passo falso di Berna, i bianconeri hanno ripreso la marcia e sono a -1 dal Basilea

LUGANO – Evidentemente il KO di Berna è stato solo un episodio. Per carità, perdere in casa dell’YB ci sta, ma è anche vero che la sconfitta di mercoledì aveva lasciato l’amaro in bocca per come era arrivata. Ma questo Lugano ha dimostrato ancora una volta di non piangersi addosso e di rimboccarsi le maniche, ben conscio delle proprie qualità e degli obiettivi che, sicuramente, i ragazzi e il mister si saranno posti all’interno dello spogliatoio. Primo fra tutti: sorprendere.
 
 
Sì perché ieri, come se nulla fosse, i ragazzi del Crus hanno preso in mano la partita contro un Sion in crescita, e di conseguenza temibile, tanto da chiudere la pratica già nel primo tempo. Il 2-0 finale, maturato nei primi 45’, ottenuto tra le mura amiche è lì a dimostrato: i bianconeri
hanno carattere, grinta, qualità… ma anche testa. Il tecnico ticinese ha saputo sia usare la sua, per trovare le giuste posizioni e i giusti meccanismi per ogni giocatore, sia entrare in quella dei suoi ragazzi che rispondono alla grande, seguendo un unico spartito.
 
 
Altrimenti risulterebbero inspiegabili sia la posizione in classifica – terzo, a -1 dal Basilea e a 5 distanze dallo Zurigo – sia la prestazione contro i vallesani, liquidati senza colpo ferire grazie alle reti di un ispiratissimo Mattia Bottani e di uno che di gol certo non ne macina a raffica, Facchinetti. Alla fine, e lo ripetiamo da tempo, sognare non costa nulla, la pausa invernale si avvicina e i bianconeri potrebbero davvero farsi un grande regalo di Natale, puntando sempre più in alto, nella speranza che poi il mercato invernale faccia la sua…

Guarda anche 

Il Lugano cala il pokerissimo: i pre playoff sono ormai in cassaforte

LUGANO – Ancora una volta, la quinta in stagione, il derby si tinge di bianconero. E lo fa a pieno merito, nonostante il Lugano abbia dovuto rinunciare all&rsquo...
28.01.2022
Sport

Ha commesso 20 reati e accumulato 400'000 franchi di debiti, dovrà lasciare la Svizzera

Un kosovaro di 52 anni, che abita in Svizzera per 30 anni e ha avuto tre figli sul territorio svizzero, sarà espulso nel suo paese d'origine. Come ripo...
28.01.2022
Svizzera

Lugano-Ambrì, un derby da brivido tra infortuni e arbitraggi da paura

LUGANO – Ci risiamo. Rieccoci. Per la sesta volta in stagione, questa sera, Lugano e Ambrì si ritroveranno una di fronte all’altra, questa volta all...
27.01.2022
Sport

Giovane madre in carcere dopo una violenta aggressione

Una 32enne residente nel canton Argovia è stata posta in detenzione preventiva domenica sera dopo ferito gravemente un uomo di 49 anni domenica sera nel suo app...
26.01.2022
Svizzera