Mondo, 06 dicembre 2021

Zemmour: "Se vinco le elezioni, è l'inizio della riconquista"

Il candidato alle elezioni presidenziali francesi Eric Zemmour ha invitato migliaia di sostenitori domenica a partire per "riconquistare" la Francia, durante una prima riunione nella regione di Parigi segnata da tensioni. Zemmour ha così confermato dinanzi ai militanti il nome del suo neonato movimento politico, "Reconquête". «Se vinco questa elezione, non sarà l’ennesima alternanza, ma l’inizio della riconquista», ha dichiarato l'ex polemista francese.

"Siete in 15'000 oggi, 15'000 francesi che hanno sfidato il politicamente corretto, le minacce dell'estrema sinistra e l'odio dei media", ha detto il 63enne ai suoi sostenitori sovraeccitati, che sventolavano bandiere francesi e gridavano "Zemmour presidente!"

"La posta in gioco è immensa. Se vinco, sarà l'inizio della riconquista del paese più bello del mondo", ha promesso il candidato, che ha costruito tutto il suo discorso per mesi sul rifiuto dell'immigrazione e dell'Islam, minacciando, secondo lui, "un popolo francese che vuole rimanere padrone a casa sua". "Siamo a casa! Siamo a casa!" cantava la folla.

"Avete sentito dire che sono un fascista, un razzista, un
misogino", ha detto Eric Zemmour, condannato due volte per incitamento all'odio razziale, prima di presentarsi come una personalità inseguita da un "branco di politici, giornalisti e jihadisti".

Una grande scorta di sicurezza è stata dispiegata intorno al luogo dell'incontro, e circa 100 manifestanti anti-Zemmour sono stati dispersi dalla polizia. In precedenza, una manifestazione a Parigi ha riunito 2'200 persone, secondo la polizia, e 10.000 secondo gli organizzatori (una cinquantina di sindacati, partiti e associazioni).

Zemmour davanti al suo pubblico a Villepinte ha promesso l'immigrazione zero, l'abolizione del ricongiungimento familiare, la deportazione di tutti i clandestini, l'abolizione dell'assistenza sociale e medica agli stranieri non europei, tra gli applausi della folla.

In un discorso di un'ora e mezza, ha detto di essere "pronto a prendere le redini" del paese per rispondere a due "paure" che "tormentano i francesi", "quella del grande declino con l'impoverimento dei francesi, il declino del nostro potere e il crollo della nostra scuola e quella della grande sostituzione con l'islamizzazione della Francia" e "l'immigrazione di massa".

Guarda anche 

La Francia aveva offerto miliardi di franchi in ristorni in cambio del Rafale

La Francia avrebbe offerto importanti contropartite alla Svizzera se questa avesse optato per il caccia francese Rafale. Un articolo pubblicato mercoledì dal sito ...
13.01.2022
Svizzera

Presa d'ostaggi a Le Locle termina con una sparatoria e quattro arresti in Francia

La polizia di Neuchâtel è intervenuta giovedì sera a Le Locle (NE) dopo essere stata informata di una presa d'ostaggi in un'azienda di orologe...
07.01.2022
Svizzera

Macron vuole "fare arrabbiare fino alla fine" i non vaccinati

Il presidente francese, Emmanuel Macron ha detto martedì in un'intervista a "Le Parisien", che era determinato a "far arrabbiare" i non vac...
05.01.2022
Mondo

21 casi di covid: rinvio non concesso. Petkovic saluta la Coppa

BORDEAUX (Francia) – 21 casi di positività al covid, evidentemente, non bastano per annullare una partita. Per credere, domandate a Vladimir Petkovic che ha ...
03.01.2022
Sport