Svizzera, 17 novembre 2021

Decine di migranti entrano dall'Austria ogni giorno, "praticamente tutti scompaiono nel nulla"

Sempre più migranti arrivano in Svizzera attraverso il confine est e decine di loro vengono fermate poco dopo aver attraversato la frontiera.

Mercoledì, rappresentanti del canton San Gallo, della polizia, della guardia di frontiera e della Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) hanno tenuto una conferenza stampa sulla situazione migratoria nella Svizzera orientale. Secondo quanto riferiscono i media presenti, la situazione è diventata tesa nella seconda metà dell'anno. "Dal 1° luglio, 2500 migranti sono entrati nel paese", dice Markus Kobler, capo delle dogane orientali. Una gran parte di loro sono uomini che dicono di essere minorenni. "Notiamo che sono soprattutto adolescenti e giovani uomini, con un permesso di soggiorno in Austria", dice Kobler. Solo mercoledì mattina, 38 persone di nazionalità afgana sono state fermate alla stazione di frontiera di Buchs.

Tutti sarebbero stati sottoposti a un controllo di sicurezza, ma a causa delle limitate risorse ufficiali, gli interrogatori sarebbero stati rinviati ai giorni successivi. Nel frattempo, le persone vengono portate in un centro di transizione a Wil (SG). "Quasi tutte le persone, però, scompaiono di nuovo un giorno dopo il loro arrivo", dice Bruno Zanga, comandante della polizia cantonale di San Gallo. Normalmente, i clandestini vengono rimpatriati in Austria ma non essendoci controlli i migranti possono lasciare i centri a loro piacimento.

Da qualche tempo sono in corso negoziati con l'Austria sulla riammissione facilitata. "Tuttavia, non c'è quasi nessuna volontà da parte dell'Austria di firmare", dice il consigliere governativo Fredy Fässler. Se le persone sono già registrate nel sistema di Dublino, vengono
trasferite nel paese in cui è stata presentata la prima domanda d'asilo.

Si sottolinea che la Svizzera serve solo per un breve soggiorno. "La Svizzera è un paese di transito", dice Zanga. Ecco perché i migranti si nascondono e lasciano la Svizzera per la Francia o il Regno Unito. Meno del dieci per cento dei migranti chiederebbero asilo in Svizzera. Tuttavia, l'afflusso di rifugiati significa lavoro extra per le autorità. "Non è sorprendente che stiano raggiungendo i loro limiti", dice Fässler.

Già la polizia cantonale sangallese è al limite. Le pattuglie sono quindi ridotte e capita che gli agenti debbano rinunciare ai loro giorni di riposo. Per far fronte all'afflusso di rifugiati, un nuovo centro sarà aperto a Buchs (SG), dove tutte le autorità possono lavorare sotto lo stesso tetto. Fino ad allora, è possibile che meno persone entrino già in Svizzera. Secondo Daniel Bach, responsabile della comunicazione del SEM, il numero di arrivi dipende dalla meteo. Fino all'inizio dell'inverno, tuttavia, continuerà così, ha detto Bach.

Al termine della conferenza stampa un giornalista chiede se ai migranti viene fatto un test contro il coronavirus. La risposta è negativa. Un altro giornalista chiede se non è possibile rinviare queste persone in Austria appena vengono fermate. "La volontà sarebbe questa", gli viene risposto, ma con il sistema di Dublino bisogna attendere una decisione dell'Austria.

Alla domanda di un altro giornalista su cosa succederà quando la meteo sarà più clemente, Zanga avverte che con l'arrivo della primavera "un'ondata migratoria è probabile".

Guarda anche 

“Cosa fa la Confederazione contro gli abusi dello statuto S?”

Il moltiplicarsi delle segnalazioni di abusi nell'ambito dell'asilo, più precisamente dello statuto S, hanno spinto il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri...
26.02.2024
Svizzera

Aumento record delle domande d'asilo nel 2023

La Segreteria di Stato della migrazione ha registrato un aumento significativo delle domande d’asilo nel 2023: 30’223 persone hanno chiesto asilo in Svizzera,...
16.02.2024
Svizzera

Pronta un'iniziativa per limitare le domande di asilo e ripristinare i controlli ai confini

L'UDC sta per lanciare un'iniziativa per ripristinare controlli sistematici ai confini svizzeri e limitare le domande di asilo. Secondo quanto riferiscono le test...
06.02.2024
Svizzera

"Richiedenti l'asilo dipinti come vittime, il doppiopesismo della RSI"

La Lega dei Ticinesi, con un comunicato stampa, si scaglia contro un nuovo servizio della RSI. In questo caso a suscitare le critiche del movimento di Via Monte Boglia &e...
31.01.2024
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto