Sport, 12 novembre 2021

Luci all’Olimpico: è la notte di Italia-Svizzera

Questa sera il cammino verso il prossimo Mondiale si potrebbe delineare in maniera praticamente definitiva

ROMA (Italia) – Roma. Stadio Olimpico. L’avversario di turno si chiama Italia. Sembrerebbe di essere tornati indietro di 5 mesi, a quella sera del 16 giugno quando la Nati e gli Azzurri si incrociarono nella sfida valida per il girone dell’Europeo. Ecco… speriamo che non vada a finire come quella sera, quando i ragazzi di Mancini si imposero per 3-0, dandoci una vera e propria lezione di calcio.
 
 
Quella era una partita del girone di un Europeo, quella di questa sera – che resta e resterà sempre un incrocio molto sentito da noi in Ticino –  è sempre una sfida di un girone, ma di qualificazione a un Mondiale e, vista la situazione in classifica e il calendario delle due formazioni, è praticamente una sfida secca: chi vince ha un piede e mezzo in Qatar, chi perde quasi sicuramente dovrà affrontare i temibili spareggi (e l’Italia ne sa qualcosa…).
 
 
Anche un pareggio potrebbe andare bene alla Nazionale di Murat Yakin, volata a Roma in piena emergenza, con ben 7 assenti e con un centrocampo e un attacco da inventare. Un pareggio dicevamo, perché lunedì poi affronteremo in casa la Bulgaria, mentre l’Italia volerà in
Irlanda del Nord, dove non sarà né facile vincere, né facile segnare tante reti per una squadra priva anche di Immobile, Pellegrini e Zaniolo in fase offensiva: ecco che le sfide di lunedì, in caso di pareggio questa sera in terra italiana, potrebbero rivoluzionare la classifica definitiva.
 
 
Ma un passo alla volta: questa sera sarà determinante non solo mettere in campo tutto lo spirito di squadra, di attaccamento alla maglia e di sacrificio. Sarà fondamentale che tutti diano il 110% anche per sopperire ad alcune assenze pesantissime – basti pensare a Xhaka, Seferovic, Zuber ed Embolo – e sarà determinante che anche un po’ di buona sorte sia dalla nostra parte, così come avvenuto a settembre a Basilea.
 
 
In palio c’è un passaggio del turno, un approdo a un Mondiale che ha una valenza importante non solo per la gloria, non solo per la fama, non solo per il ranking, ma anche economica. Un gruzzoletto importante per poter continuare a investire sul calcio nostrano per toglierci sempre più soddisfazioni nel futuro prossimo. E quindi… sotto con l’Italia e che sia una “notte magica”, ma a tinte rossocrociate!

Guarda anche 

Il Portogallo ci umilia. La Svizzera fa le valigie e torna a casa

DOHA (Qatar) – Portogallo-Svizzera 6-1. Il Mondiale qatariota della Nazionale finisce mestamente in una calda serata di dicembre contro una nazionale, quella lusita...
06.12.2022
Sport

VIDEO – Eto’o perde il controllo: prendi a calci uno youtuber fuori dallo stadio

DOHA (Qatar) – Momenti concitati quelli vissuti ieri sera da Samuel Eto’o, presidente della Federazione calcistica del Camerun, che ha aggredito una persona m...
06.12.2022
Sport

56 partite allo stadio su 64: ecco lo Stachanov del Mondiale

DOHA (Qatar) – Ah, il Mondiale. Che passione! Verrebbe da dire così raccontando la storia di Gregory, tifoso 44enne polacco che in Qatar assisterà a 5...
06.12.2022
Sport

“La Svizzera può battere chiunque”

LUGANO - L’ex difensore della Nazionale rossocrociata e del Lugano Régis Rothenbühler è sicuro: a questa Svizzera nulla &egra...
06.12.2022
Sport