Svizzera, 20 ottobre 2021

Rimane paralizzato dopo aver cercato di rubare i fili dell'alta tensione

Un cittadino svizzero e un cittadino bulgaro si trovano sotto processo per aver tentato, nella notte tra il 20 e il 21 giugno 2020, di rubare 960 chili di rame dalle linee elettriche delle FFS a Eclépens (VD).

Mentre uno di loro si trovava, secondo l'accusa, sopra o vicino ai binari, l'altro era salito su una scala e aveva toccato i fili dell'alta tensione, ricevendo una scossa che lo fece sbalzare per diversi metri. Rimase gravemente, e non potè nemmeno contare sull'aiuto del suo complice, che fuggì dalla scena. Entrambi sono sotto processo per tentato furto, danno qualificato alla proprietà e, per quel che concerne l'uomo che era fuggito, anche ommissione di soccorso. Inoltre il complice, essendo straniero, rischia l'espulsione dalla Svizzera. I danni stimati dalle FFS ammontano a quasi 20'000 franchi

L'uomo che ricevette la scossa, oggi 34enne, è rimasto permanentemente paralizzato e, al contrario del suo complice, riconosce i fatti di cui è accusato. Inoltre sostiene di essere stato incoraggiato a salire più in alto nella scala mentre il complice sostiene che gli gli avrebbe chiesto controllare la presenza di elettricità sul palo su cui stava salendo.

"Ricordo che cercò di svegliarmi, avevo un dolore atroce e gli dissi di chiamare aiuto, di fare qualcosa. Potevo vedere che non voleva farlo", dice l'uomo che pensava di morire quella notte. L'altro imputato ha spiegato che dopo aver visto che il suo compagno respirava, e non essendo in grado di sollevarlo, il suo panico lo portò a cercare l'aiuto di un amico. Tuttavia, nessuno è tornato sul luogo dell'incidente.

Inoltre il complice che è fuggito non parla francese e sostiene di non conoscere i numeri di emergenza in Svizzera. Il procuratore Xavier Christe ha chiesto al Tribunale di non "dare credito alle dichiarazioni" del complice, poiché "sono variate nel corso dell'inchiesta". "Ci sono prove sufficienti per dimostrare che l'imputato ha compiuto gli atti di cui è accusato", ha detto il rappresentante del pubblico ministero, prima di ricordare che se "il tentato furto" non è stato completato, l'uomo "è stato colpevole di non aver fornito assistenza". Tenendo conto dei danni qualificati alla proprietà, il procuratore ha chiesto 36 mesi di reclusione per il cittadino bulgaro, così come la sua espulsione dalla Svizzera per sette anni: "Un paese in cui è andato solo per commettere reati contro il nostro patrimonio".

Per quanto riguarda l'uomo oggi invalido, "è già stato punito per le sue azioni", ha detto il suo avvocato. Infatti, lo stesso procuratore ha preso in considerazione nella sua richiesta l'articolo 54 del codice penale, che stabilisce che una condanna sarebbe inappropriata nel caso in cui l'autore sia stato direttamente colpito nella sua salute dalle conseguenze delle sue azioni. L'accusa ha tuttavia chiesto una pena pecuniaria di 90 aliquote giornaliere a 20 franchi, sospesa per due anni, se non altro per motivi di prevenzione generale. Il verdetto sarà emesso nei prossimi giorni.

Guarda anche 

In Svizzera per vendere cannabis, ma all'incontro si presenta con del sapone e una pistola

In Svizzera per vendere cannabis, ma all'incontro si presenta con del sapone e una pistola. Un giovane francese che nel febbraio del 2020 aveva ucciso due uominia Gra...
03.12.2021
Svizzera

Vittima di abusi sessuali da piccolo, finisce a sua volta a processo per stupro

Vittima di abusi sessuali sin da piccolo, finisce a sua volta a processo per stupro. Un 19enne residente nel canton Vaud comparirà il 7 dicembre davanti al Tribuna...
03.12.2021
Svizzera

Autore di una violenta aggressione sessuale rischia carcere e espulsione, "troverà lavoro ma fuori dalla Svizzera"

Un cittadino portoghese residente nel canton Friburgo rischia 42 mesi di carcere e l'espulsione dalla Svizzera per un violento stupro avvenuto nel 2020. Al Tribunale ...
02.12.2021
Svizzera

Finisce a processo perchè mette in vendita una vecchia bicicletta trovata

Non pensava probabilmente di finire in tribunale un informatico italiano di 35 anni che qualche anno ha cominciato l'hobby di comprare, riparare e rivendere biciclett...
01.12.2021
Svizzera