Sport, 15 ottobre 2021

Calcio in faccia sul campo di 4a Lega: kosovaro condannato a 30 mesi di carcere, ma non espulso

Dopo la squalifica di 5 anni inflitta dopo i fatti avvenuti tra Semine e Locarno, giunge oggi la notizia della condanna dell’uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia all’avversario: ha evitato l’espulsione e l’accusa di tentato omicidio

GINEVRA – Vi avevamo raccontato nel 2018 di quanto avvenuto su un campo di calcio del Canton Ginevra, in occasione della sfida tra Versoix e FC Kosova: una vera e propria bagarre accesa al termine della sfida di IV Lega che aveva comportato danni fisici e una sentenza sportiva, ma anche in conseguenze legali.
 
I sostenitori del club di lingua albanese, in quell’occasione, avevano invaso il campo pestando letteralmente i giocatori del Versoix: uno di questi aveva riportato la rottura dell’osso orbitale, mentre altri cinque avevano subìto la fratture di alcune costole e uno addirittura la perforazione di un polmone. Roba da far west, roba da far passare ciò che è accaduto nel Bellinzonese come una piccola scaramuccia.
 
In quell’occasione l’Associazione cantonale ginevrina di calcio aveva sospeso a tempo indeterminato quattro giocatori del Kosova, mentre la seconda squadra era stata esclusa da tutti i campionati per 2 anni. Un giocatore del Versoix era stato squalificato per un anno.
 
Ora, però, è anche giunto il verdetto della giustizia ordinaria, una sentenza decisamente dura visto che ha portato al carcere. Riconosciuto colpevole di rissa e tentate lesioni corporali gravi, per il calcio volontario sferrato alla testa dell’avversario, l’imputato – un giocatore del Kosova – è stato condannato a 30 mesi di reclusione, di cui ben 9 da scontare. Una pena inferiore a quella richiesta dall’accusa, avendo evitato il tentato omicidio “perché la confusione che regnava ha impedito di stabilire in dettaglio e con assoluta certezza tutti gli elementi della rissa, in particolare la forza del calcio dato al volto”. L’ormai ex giocatore ha anche evitato l’espulsione dalla Svizzera, perché l’uomo è senza precedenti, è sposato con una cittadina svizzera e padre di una bimba nata lo scorso anno.
 
Altri due giocatori hanno ricevuto pene sospese, mentre uno spettatore ha subìto una sanzione pecuniaria.

Guarda anche 

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport

ACB raggiunto nei recuperi: la promozione è andata?

BELLINZONA - Adesso si fa davvero dura: il Bellinzona deve accontentarsi del pareggio sul campo della capolista Breitenrain (1-1) e vede così allontanarsi la ...
16.05.2022
Sport

“I nostri anni meravigliosi Malfanti il trascinatore”

LUGANO - Adriano Coduri ha quasi 85 anni e sente gli acciacchi della vita anche se non se ne cura troppo. Risiede sempre a Rancate, il paese in cui è cre...
15.05.2022
Sport