Sport, 15 ottobre 2021

Calcio in faccia sul campo di 4a Lega: kosovaro condannato a 30 mesi di carcere, ma non espulso

Dopo la squalifica di 5 anni inflitta dopo i fatti avvenuti tra Semine e Locarno, giunge oggi la notizia della condanna dell’uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia all’avversario: ha evitato l’espulsione e l’accusa di tentato omicidio

GINEVRA – Vi avevamo raccontato nel 2018 di quanto avvenuto su un campo di calcio del Canton Ginevra, in occasione della sfida tra Versoix e FC Kosova: una vera e propria bagarre accesa al termine della sfida di IV Lega che aveva comportato danni fisici e una sentenza sportiva, ma anche in conseguenze legali.
 
I sostenitori del club di lingua albanese, in quell’occasione, avevano invaso il campo pestando letteralmente i giocatori del Versoix: uno di questi aveva riportato la rottura dell’osso orbitale, mentre altri cinque avevano subìto la fratture di alcune costole e uno addirittura la perforazione di un polmone. Roba da far west, roba da far passare ciò che è accaduto nel Bellinzonese come una piccola scaramuccia.
 
In quell’occasione l’Associazione cantonale ginevrina di calcio aveva sospeso a tempo indeterminato quattro giocatori del Kosova, mentre la seconda squadra era stata esclusa da tutti i campionati per 2 anni. Un giocatore del Versoix era stato squalificato per un anno.
 
Ora, però, è anche giunto il verdetto della giustizia ordinaria, una sentenza decisamente dura visto che ha portato al carcere. Riconosciuto colpevole di rissa e tentate lesioni corporali gravi, per il calcio volontario sferrato alla testa dell’avversario, l’imputato – un giocatore del Kosova – è stato condannato a 30 mesi di reclusione, di cui ben 9 da scontare. Una pena inferiore a quella richiesta dall’accusa, avendo evitato il tentato omicidio “perché la confusione che regnava ha impedito di stabilire in dettaglio e con assoluta certezza tutti gli elementi della rissa, in particolare la forza del calcio dato al volto”. L’ormai ex giocatore ha anche evitato l’espulsione dalla Svizzera, perché l’uomo è senza precedenti, è sposato con una cittadina svizzera e padre di una bimba nata lo scorso anno.
 
Altri due giocatori hanno ricevuto pene sospese, mentre uno spettatore ha subìto una sanzione pecuniaria.

Guarda anche 

Il Lugano va, con Bottani in poppa

LUGANO – Evidentemente il KO di Berna è stato solo un episodio. Per carità, perdere in casa dell’YB ci sta, ma è anche vero che la sconfi...
06.12.2021
Sport

L’ex presidente Renzetti: “Paolo, un tecnico emotivo”

LUGANO - L’ex presidente Angelo Renzetti si gode qualche giorno di riposo nella sua Pescara, anche se conta di tornare in Ticino per la sfida odierna fra il Lu...
05.12.2021
Sport

Italia-Inghilterra e la tragedia sfiorata: “A Wembley poteva morire qualcuno”

LONDRA (Gbr) – Se sul campo è finita con la vittoria ai rigori dell’Italia, che poi ha alzato al cielo di Wembley il trofeo di campione d’Europa,...
05.12.2021
Sport

Crivellò di colpi un conoscente in un bar, condannato a 16 anni di carcere

Il tribunale penale di Ginevra ha riconosciuto colpevole di omicidio (tra le altre cose) l'uomo che nel 2016 aveva sparato più volte ad un conoscente in una sa...
04.12.2021
Svizzera