Svizzera, 14 ottobre 2021

Il Tribunale federale annulla l'assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato una filiale di Credit Suisse

Il Tribunale federale ha annullato l'assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato una filiale del Credit Suisse con vernice rossa a Ginevra nell'ottobre 2018. I giudici di Mon Repos hanno stabilito che il giovane non poteva invocare lo stato di necessità putativa.

In una sentenza pubblicata mercoledì, la Corte chiarisce che nel caso dello stato di necessità, ci deve essere un pericolo imminente per un interesse giuridico individuale. Il pericolo deve materializzarsi entro poche ore e non deve essere evitabile in nessun altro modo.

Secondo i giudici, il riscaldamento globale e i disastri che provoca non costituiscono un pericolo imminente. Le conseguenze possono colpire tutti, ovunque e in qualsiasi momento, senza che sia possibile identificare un bene giuridico specifico a rischio.

Secondo
il Tribunale federale, l'attivista, appartenente al gruppo "Breakfree Switzerland", non può invocare la libertà di espressione o la libertà di riunione. L'ordine pubblico protegge solo le riunioni pacifiche. Le autorità non devono considerare solo gli interessi dei manifestanti, ma anche salvaguardare le libertà dei terzi non manifestanti.

Nella sua sentenza, il Tribunale federale ha accolto i ricorsi della Procura di Ginevra e del Credit Suisse. Il caso è stato rinviato al tribunale cantonale.

ll tribunale di polizia del canton Ginevra aveva inizialmente condannato l'attivista in prima istanza a pagare 10 aliquote giornaliere a 30 franchi sospesi per danni alla proprietà. In appello invece, era stato assolto dalla Camera di appello e revisione penale.

Guarda anche 

La SSR condannata per aver censurato dei commenti anti-Covid

Il Tribunale federale (TF) ha dato ragione a un'internauta svittese che ha deciso di lottare fino in fondo dopo che un suo commento sull'account Instagram dell...
30.11.2022
Svizzera

Richiedente l'asilo condannato a 3 anni di carcere per un'aggressione, ma non sarà espulso

Un richiedente l'asilo siriano di 19 anni è stato condannato a 3 anni di carcere, di cui uno da scontare, per essersi reso colpevole di aggressione, tentate...
27.11.2022
Ticino

L'immigrazione mette a repentaglio l'approvvigionamento energetico? "Non è detto", risponde il Consiglio federale

L'alto tasso di immigrazione che la Svizzera subisce mette a repentaglio l'approvvigionamento energetico? Il consigliere nazionale Michael Buffat (UDC/VD) avev...
26.11.2022
Svizzera

Carcere e espulsione per tre ladri di orologi

Tre uomini, due cittadini algerini e un cittadino libico, sono stati riconosciuti colpevoli di furto a Ginevra. La corte non ha avuto dubbi sul fatto che i tre operass...
25.11.2022
Svizzera