Svizzera, 14 ottobre 2021

Il Tribunale federale annulla l'assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato una filiale di Credit Suisse

Il Tribunale federale ha annullato l'assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato una filiale del Credit Suisse con vernice rossa a Ginevra nell'ottobre 2018. I giudici di Mon Repos hanno stabilito che il giovane non poteva invocare lo stato di necessità putativa.

In una sentenza pubblicata mercoledì, la Corte chiarisce che nel caso dello stato di necessità, ci deve essere un pericolo imminente per un interesse giuridico individuale. Il pericolo deve materializzarsi entro poche ore e non deve essere evitabile in nessun altro modo.

Secondo i giudici, il riscaldamento globale e i disastri che provoca non costituiscono un pericolo imminente. Le conseguenze possono colpire tutti, ovunque e in qualsiasi momento, senza che sia possibile identificare un bene giuridico specifico a rischio.

Secondo
il Tribunale federale, l'attivista, appartenente al gruppo "Breakfree Switzerland", non può invocare la libertà di espressione o la libertà di riunione. L'ordine pubblico protegge solo le riunioni pacifiche. Le autorità non devono considerare solo gli interessi dei manifestanti, ma anche salvaguardare le libertà dei terzi non manifestanti.

Nella sua sentenza, il Tribunale federale ha accolto i ricorsi della Procura di Ginevra e del Credit Suisse. Il caso è stato rinviato al tribunale cantonale.

ll tribunale di polizia del canton Ginevra aveva inizialmente condannato l'attivista in prima istanza a pagare 10 aliquote giornaliere a 30 franchi sospesi per danni alla proprietà. In appello invece, era stato assolto dalla Camera di appello e revisione penale.

Guarda anche 

Ginevra, appuntamento con la storia

GINEVRA – I bagordi, la gioia e i festeggiamenti per il titolo svizzero conquistato la scorsa primavera sembrano lontani, sembrano un po’ offuscati, visto qua...
20.02.2024
Sport

Viene truffata due volte e finisce per essere condannata per riciclaggio

Una donna residente in Vallese è riuscita a farsi truffare due volte dalla stessa persona e, se ciò non fosse abbastanza, è finita per essere condann...
16.02.2024
Svizzera

Vuole spostare l'auto di pochi centrimetri mentre è ubriaca, si ritrova con 10'000 franchi di multa

È una vicenda quantomeno singolare, per non dire sfortunata, quella avvenuta a una donna di Lucerna un sabato pomeriggio nell'estate del 2022. La donna si era ...
13.02.2024
Svizzera

Perde 40'000 franchi col gioco d'azzardo, ma la banca doveva fermarla (e dovrà risarcirla)

Un debito di 40'000 franchi di una ex cliente di PostFinance, contratto a causa di un errore informatico della banca, dovrà essere cancellato. La giustizia rit...
11.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto