Svizzera, 22 settembre 2021

"2'500 franchi per tutti", lanciata una nuova iniziativa per un reddito di base incondizionato

Cinque anni dopo il chiaro "no" nelle urne, un comitato apartitico ha lanciato martedì una seconda iniziativa popolare per introdurre in Svizzera un reddito di base incondizionato. La crisi del coronavirus ha cambiato la situazione, secondo i promotori dell'iniziativa.

L'obiettivo dell'iniziativa "Vivere con dignità - Per un reddito di base incondizionato e finanziabile" è di garantire un sostentamento a tutte le persone che vivono in Svizzera e di rispettare il diritto umano fondamentale a un'esistenza dignitosa e autodeterminata, nonché di valorizzare il lavoro non retribuito, ha dichiarato martedì il comitato d'iniziativa che presentava il progetto in una conferenza stampa.

Questo obiettivo deve essere raggiunto modificando l'articolo 110 della Costituzione federale. Una legge dovrebbe regolare l'ammontare del reddito di base, così come il suo finanziamento.

L'iniziativa mette la dignità dell'essere umano al di sopra del denaro, ha detto ai media l'ex vice-cancelliere della Confederazione svizzera Oswald Sigg, membro del comitato dell'iniziativa. "Una vita dignitosa è caratterizzata dalla ragionevolezza. La povertà e la ricchezza eccessive sono irragionevoli.

"In tempi di crisi del coronavirus e del clima, un approccio responsabile verso le persone e la natura è essenziale. Questo richiede un'economia che serva le persone, non il contrario", ha aggiunto.

Un reddito di base incondizionato darebbe il giusto riconoscimento al lavoro che è essenziale per la nostra società, come l'assistenza familiare ed extrafamiliare e il lavoro volontario, affermano i promotori. La maggior parte di questi compiti sono svolti da donne e non sono inclusi nel prodotto nazionale lordo.

L'iniziativa non sostituirebbe l'assicurazione sociale, ma la svilupperebbe ulteriormente. "Sarebbero adattati o leggermente modificati in funzione dell'introduzione del reddito di base. Questo verrebbe deciso entro il periodo transitorio di cinque anni", ha spiegato il membro del comitato Kalina Anguelova.

L'introduzione di un reddito di base garantirebbe a tutti uno standard di vita minimo, anche se non hanno un lavoro retribuito. La digitalizzazione e l'automazione non sarebbero più viste come una minaccia, ma come un'opportunità. La paura costante della perdita del lavoro, ma anche della dipendenza e della povertà, scomparirebbe.

Un reddito di base permetterebbe anche di lavorare part-time, di fare una pausa necessaria o di cambiare lavoro, cosa che solo una minoranza può permettersi attualmente. Secondo i promotori, la misura eviterebbe anche le malattie causate dallo stress sul posto di lavoro o dall'ansia di non trovare un lavoro.

La maggior parte dei costi di un reddito di base potrebbe essere coperta dalle entrate fiscali e dalle assicurazioni sociali. Per finanziare il resto, l'iniziativa chiede anche che tutti i settori dell'economia paghino la loro giusta quota di tasse, in particolare il settore finanziario, le aziende tecnologiche e le piattaforme digitali come Google, Apple, Facebook o Amazon.

Rispetto alla prima iniziativa di cinque anni fa, i promotori sottolineano di aver chiarito la questione del finanziamento. "Stiamo anche includendo nella costituzione che non vogliamo abolire l'assicurazione sociale esistente, il che dovrebbe rassicurare la popolazione", dice il membro del comitato Thomas Produit.

Nel giugno 2016, gli svizzeri avevano respinto con il 76,9% una prima iniziativa che chiedeva di introdurre un reddito di base incondizionato. Il testo era stato lanciato da un comitato di cittadini senza affiliazione politica, tra cui Oswald Sigg.

Guarda anche 

"No all'obbligo di vaccinazione", si andrà (probabilmente) a votare

I cittadini svizzeri, con tutta probabilità, saranno chiamati ad esprimersi su un'iniziativa popolare che intende vietare qualsiasi forma di discriminazione co...
07.09.2021
Svizzera

Si andrà a votare sull'età pensionabile a 66 anni, riuscita iniziativa dei giovani PLR

Gli svizzeri saranno chiamati a votare sull'innalzamento dell'età pensionabile a 66 anni. La Cancelleria federale ha infatti comunicato di aver convalidato...
26.08.2021
Svizzera

I giovani PLR hanno depositano 145'000 firme per alzare l'età pensionabile a 66 anni

Una "alleanza liberale" guidata dai giovani PLR ha depositato venerdì la sua "iniziativa per la pensione" corredata da 145'000 firme. Gli i...
17.07.2021
Svizzera

L'UDC prepara due iniziative contro la SSR: diminuzione del canone radiotelevisivo e "redazioni meno di sinistra"

L'UDC starebbe preparando due iniziative contro la SSR, una che chiede una diminuzione del canone mentre un'altra si attacca alla composizione delle redazioni gio...
08.06.2021
Svizzera