Svizzera, 10 settembre 2021

Viaggiare all'estero sarà (probabilmente) più complicato a partire dal 20 settembre

"I dati mostrano che un alto numero di ricoveri ospedalieri può essere attribuito a persone che si sono infettate in un altro paese prima di tornare in Svizzera", ha affermato la Confederazione durante la sua conferenza stampa di mercoledì. Di conseguenza, una nuova serie di misure sarà presa prima delle vacanze autunnali per i viaggiatori di ritorno dall'estero.

Vengono proposte due varianti, che saranno vincolanti per tutti. Chiunque entri in Svizzera, in aereo, in treno, in macchina, in autobus, a piedi o in bicicletta; che sia vaccinato o meno e indipendentemente da quale paese arrivi, dovrà compilare un modulo online per registrare il suo arrivo.

Le uniche eccezioni sono i soggiorni di meno di 24 ore all'estero, i frontalieri e le persone sotto i 16 anni, per esempio. Per coloro che si sono vaccinati o sono guariti, il modulo sarà l'unica procedura richiesta.

I non vaccinati e non guariti invece potranno scegliere di seguire due procedure diverse. Dovranno tutti presentare un test negativo all'ingresso e in seguito dovranno o presentare un nuovo test tra il 4° e il 7° giorno dopo l'arrivo oppure sottoporsi a una quarantena di dieci giorni, quarantena può essere ridotta a sette giorni in caso di un nuovo test negativo.

"La variante 1 è più facile da applicare. Comporterà meno oneri per i cantoni. In termini epidemiologici, tuttavia, è meno efficace della variante 2", ha riassunto il Consiglio federale. "È fondamentale che il rispetto delle disposizioni di ingresso sia controllato il più rigorosamente possibile e che le multe siano imposte in caso di infrazioni", ha detto la Confederazione.

Un cantone che scopre che una persona non ha fatto il test tra il quarto e il settimo giorno (variante 1) potrebbe imporre una multa di 200 franchi, o denunciarla se non si mette in quarantena (variante 2). Per quanto riguarda la dogana, se controlla una persona che arriva in Svizzera senza un test negativo, potrebbe anche imporre una multa di 200 franchi.

Questa procedura non è tuttavia ancora definitiva ma è stata messa in consultazione fino al 13 settembre. Il Consiglio federale prenderà la sua decisione nella sua prossima riunione venerdì 17 settembre e le nuove misure dovrebbero entrare in vigore lunedì 20 settembre.

Guarda anche 

Il Consiglio nazionale vota per i test gratuiti e la pubblicazione dei contratti con i produttori di vaccini

Il Consiglio nazionale ha approvato giovedì con 144 voti contro 43, nel quadro della legge Covid-19, una disposizione che mira all'assunzione da parte della Co...
02.12.2021
Svizzera

Tentava di curarsi dal covid con clisteri di candeggina: morto no vax

VIENNA (Austria) – Johann Biacsics, uno dei leader più ostinati e convinti dei no vax austriaci, è morto a causa del covid: a novembre era stato accom...
03.12.2021
Magazine

Leader no vax guarisce e cambia idea: «I vaccini salvano la vita»

TREVISO (Italia) – Fino a poco tempo fa era il leader dei no vax in Veneto, protestava contro i vaccini e il covid pass, ma dopo aver vissuto in prima persona la ma...
02.12.2021
Magazine

Votazioni, verso due SI e un NO

Secondo le proiezioni e i primi risultati disponibili gli svizzeri avrebbero largamente approvato le modifiche alla legge Covid-19 e l'iniziativa "Per cure infer...
28.11.2021
Svizzera