Sport, 15 luglio 2021

Il Lugano «conferma» Josephs: è lui il quarto straniero

Il canadese aveva già vestito la maglia bianconera nel finale della scorsa stagione e nei playoff

LUGANO – Ecco il quarto straniero offensivo del Lugano: Troy Josephs. Non certo un volto nuovo, visto che il centro canadese aveva vestito la maglia bianconera già sul finale della scorsa stagione, ovvero con licenza B, nelle ultime sei partite di regular season e in una dei playoff (3 reti e 3 assist”.
 
Ecco il comunicato del club:
L’Hockey Club Lugano completa il quartetto di giocatori stranieri per la stagione 2021/22 con l’ingaggio del centro canadese Troy Josephs che aveva già indossato la maglia bianconera nella fase conclusiva dello scorso campionato in occasione di sei partite di regular season e una di playoff (3 gol, 3 assist).
Troy Josephs (“left”, 185 cm. x 83 kg.), nato a Whitby nell’Ontario il 09.05.1994, affiancherà così con il suo profilo di centro energico, grintoso e dotato di fiuto del gol gli altri tre attaccanti stranieri, ossia Mark Arcobello, Mikkel Boedker e Daniel Carr.

Draftato nel 2013 dai Pittsburgh Penguins dopo aver vinto il campionato della Ontario Junior Hockey League (OJHL) con i St. Michael’s Buzzers, Josephs ha giocato quattro stagioni nel campionato universitario statunitense
(NCAA) con la formazione della Clarkson University, nella AHL con i Wilkes Barre/Scranton Penguins e nella ECHL con i Wheeling Nailers, prima di approdare in Svizzera dove, con i colori del Visp, ha disputato nelle ultime due stagioni 86 partite, totalizzando 98 punti (42 gol, 56 assist).
Josephs ha siglato con l’HCL un contratto valido per la stagione 2021/22 con opzione di rinnovo in favore della società bianconera.

Così si è espresso il GM Hnat Domenichelli:
“Troy è un centro puro, tecnicamente forte con uno stile di gioco aggressivo che si adatta a ciò vuole il nostro staff tecnico. Conosce già l’ambiente e il campionato svizzero, è giovane e molto motivato e ha dimostrato di meritarsi una chance in National League. Sono convinto che ha davanti a sé un nuovo step nella sua carriera”.

Queste le parole dell’Head Coach bianconero Chris McSorley:
Troy è un elemento ideale per il tipo di gioco che vogliamo fare. È un centro forte fisicamente che va diretto verso la porta avversaria. Sono felice di poter lavorare con lui sin dall’inizio della preparazione sul ghiaccio”.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport