Svizzera, 02 luglio 2021

Giovane svizzera si converte all’Islam, poi vuole tagliare la gola all’ex fidanzato

Una 22enne svizzera compare oggi a processo nel canton Svitto con l’accusa di aver tentato di uccidere l’ex fidanzato afghano e sua madre. Il Ministero pubblico ha chiesto per lei una pena detentiva di 13 anni.

La giovane, come si legge sul Blick, si era innamorata di un afghano sciita quando aveva 16 anni. Per poter vivere una relazione con lui, si era convertita all’Islam.

Quattro anni dopo la ragazza era andata da sola in Libano, dove si era innamorata di un altro uomo, un libanese sunnita. Tornata in Svizzera, si era separata dal fidanzato afghano.

Ma la relazione con lui, seppur finita, continuava a pesarle. Provava “vergogna”. Per questo decise di uccidere lui e sua madre, per “ripulire” il proprio
passato.

Nel settembre 2019 si recò a casa dell’afghano sperando di trovarlo. Lui non c’era ma c’era sua madre. La giovane si avventò su di lei, la colpì con una padella e cercò di strangolarla. La donna si salvò grazie all’intervento di un vicino.

Nel febbraio 2020 incaricò un altro uomo, un siriano, di picchiare l’ex fidanzato afghano in modo che lei potesse poi tagliargli la gola. Ma l’uomo si tirò indietro poco prima di passare all’azione. Il giorno dopo trovò qualcun altro disposto a picchiare l’afghano in cambio di 500 dollari. Ma quel giorno arrivò la polizia.

Ora la 22enne rischia 13 anni di carcere. 

Guarda anche 

In Svizzera solo perchè non può essere espulso, un estremista islamico insegna religione a giovani e bambini

Un islamista ex membro dell'ISIS che può rimanere in Svizzera solo perchè non può essere espulso insegna arabo e religione. Attivo nella moschea ...
12.05.2022
Svizzera

Infastiditi dal rumore del traffico, installano dei finti radar per far rallentare le auto

Tre radar lungo la Schwyzerstrasse nel villaggio di Bennau, una frazione del comune di Einsiedeln (SZ). Per una distanza di soli 280 metri si tratta di un numero decis...
23.04.2022
Svizzera

Un "sex tape" girato al museo musulmano finisce in tribunale

Un singolare caso di estorsione, ricatto e violazione della proprietà privata riguardante il Museo delle Civiltà Islamiche di Neuchâtel è st...
12.04.2022
Svizzera

Confermato il ritiro del passaporto svizzero a un estremista islamico residente in Ticino

Il Tribunale federale ha confermato il ritiro del passaporto svizzero a uomo con la doppia cittadinanza svizzera e turca per aver fatto propaganda al gruppo islamico al-N...
09.04.2022
Ticino