Sport, 20 giugno 2021

Cari rossocrociati: onorate la maglia!

Match decisivo oggi a Baku (ore 18) contro la Turchia. Conta soltanto la vittoria

BAKU (Azerbaigian) - Il destino di Vladimir Petkovic è strettamente legato alla qualificazione o meno agli ottavi di questo tribolato (per noi) Europeo. Se oggi i rossocrociati non battono la Turchia sono eliminati e il loro commissario tecnico verrà invitato a fare le valigie. Del resto è inevitabile che dopo 7 anni il rapporto fra uno staff e il gruppo sia logoro, al netto di incomprensioni e polemiche che hanno attraversato questo periodo, dal 2014 ad oggi.


Vlado, poi, sta cominciando a perdere la fiducia dei dirigenti federali, nonostante le dichiarazioni di facciata. Le sue scelte conservatrici, la sua mancanza di coraggio e la scarsa propensione a fare autocritica (salvo eccezioni) gli stanno giocando contro. Non dimentichiamoci che dopo la rassegna continentale ci saranno le eliminatorie per i Mondiali del prossimo anno e la Svizzera ci vuole arrivare con le idee chiare: tecnico e giocatori sono avvisati. Contro la Turchia non possono sbagliare.


È evidente che contro la nazionale diretta da Senol Güneş, reduce d adue sconfitte nette e senza scusanti, ci vorrà una Svizzera ben diversa da quella vista in campo contro gli azzurri. Sembra banale dirlo ma è cosi. Soprattutto dal punto di vista dell'approccio e dell'impegno: i rossocrociati che saranno scelti da Petkovic e quelli che entreranno eventualmente in corso d'opera, dovranno onorare la nostra maglia. Che, tanto per intenderci, non è un souvenir qualsiasi ma un simbolo del nostro paese. Se c'è qualcuno che crede di non esserne capace, allora è meglio che se ne resti in tribuna. Elementi quali Xhaka, Shaqiri, Seferovic impalpabili contro gli azzurri per grinta e dedizione - sonoi figli della tanto sbandierata integrazione ma forse non hanno ancora capito che quando si veste il rossocrociato si rappresenta una nazione. Non è obbligatorio cantare il salmo svizzero a squarciagola (secondo noi è un fatto molto personale) ma quando si esce dal campo si deve perlomeno avere la maglia madida di sudore. Lo stesso discorso vale per Sommer e i cosiddetti svizzeri puri: siano da esempio.


La riscossa della Germania Europei: quella di ieri è stata una giornata ricca di emozioni. Tanto per cominciare l'Ungheria ha fermato i campioni del mondo della Francia (1-1). Una partita avvincente e grintosa, con diversi cambiamenti di fronte. Con questo risultato i transalpini si complicano la vita, anche perché la Germania si è prontamente riscattata dopo la sconfitta nella giornata inaugurale proprio contro Deschamps e soci. I tedeschi hanno infatti sconfitto il Portogallo (4-2) al termine di una sfida combattuta. Infine: pari e patta fra Spagna e Polonia (1-1). Gl iberici adesso rischiano grosso.

Guarda anche 

Lugano e… la dura legge del gol

BASILEA – “È la dura legge del gol, fai un gran bel gioco però, se non hai difesa gli altri segnano e poi vincono”. Recitava così u...
25.10.2021
Sport

“Se vinci sei un fenomeno. Se perdi diventi un caso”

LUGANO - Le parole sono di un ex allenatone italiano che per anni c andato per la maggiore. Nevio Scala. "Se vinci sei un fenomeno, se perdi diventi u...
24.10.2021
Sport

Tifoso dell'Italia condannato per aver festeggiato "troppo" la vittoria nella semifinale degli europei

La vittoria dell'Italia contro la Spagna nella semifinale degli Europei di calcio il 6 luglio scorso ha portato ad una condanna penale a Martigny, nel canton Vallese....
16.10.2021
Svizzera

Un ex Lugano positivo al covid

SALERNO (Italia) – Il suo addio al Lugano, in direzione Empoli, non era stato esattamente idilliaco. C’erano stati alcuni battibecchi tra il giocatore, il suo...
17.10.2021
Sport