Sport, 03 giugno 2021

Mamma che delusione: Svizzera eliminata!

Non è bastato il doppio vantaggio alla Nazionale per superare la Germania che ha avuto la meglio ai rigori per 3-2

RIGA (Lettonia) – Abbiamo sudato, sia sul ghiaccio, che sulle tribune, sia sui nostri divani di casa. Abbiamo stretto i denti assieme ai ragazzi di Fischer ma alla fine ci resta un nodo in gola, un senso di incompiuto, che fa male. Fa malissimo! La Svizzera è stata eliminata ai rigori dalla Germania, nonostante si fosse trovata in vantaggio per 2-0.
 
Non è stata la bella Svizzera che abbiamo visto spesso nel girone, ma si sapeva che la sfida contro la Germania sarebbe stata molto diversa. Prima di tutto perché si trattava di uno scontro diretto, una partita senza appello, senza possibilità di replica, sia perché i teutonici sono molto bravi a non far giocare bene i propri avversari, chiudendosi e giocando molto fisico.
 
Però il rammarico per la nostra Nazionale è enorme: la rete di Untersander e quella di Herzog ci avevano davvero illuso, tenendo conto che al 38’ eravamo sul 2-0. Ma da quel momento qualcosa è cambiato, la squadra si è come impaurita, si è chiusa in se stessa, ma purtroppo non ha retto l’urto: i guizzi di Kuhnhackl e di Gawanke, quando alla sirena decisiva mancano soltanto 44” hanno fatto male. Sono stati due pugni nello stomaco, difficili da digerire.
 
Anche se la Svizzera ha avuto due grosse occasioni nell’overtime e si era portata in vantaggio con Meier ai rigori, ma poi… come a seguire il famoso mantra di Lineker “il calcio è uno sport in cui 22 uomini rincorrono un pallone per 90’ e alla fine la Germania vince”… i teutonici hanno ribaltato tutto, soprattutto con la perfida trasformazione di Noebels che ci ha mandati a casa e ha spento il nostro sogno.
 
Peccato… ma non aver sfruttato quasi 2’ in 5 contro 3 nel secondo periodo pesa. Pesa e anche tanto…

Guarda anche 

HCL, piove sul bagnato: out anche Josephs

LUGANO – Dopo Carr ora anche Troy Josephs: l’attaccante americano sarà assente dalle competizioni per le prossime 4-6 settimane, dopo la frattura al ma...
23.09.2021
Sport

Monsieur Sébastien Reuille: l’uomo giusto al posto giusto

BIASCA - Tredici anni al servizio del Lugano e spesso da protagonista. Una medaglia d`oro al collo nel 2006 al fianco degli indimenticabili Nummelin, Peltonen e Metr...
21.09.2021
Sport

Lugano, il sogno Galchenyuk...

LUGANO - Un valido collega ticinese, l' indomani di Lugano-Bienne (3-5), ha scritto senza mezzi termini che il direttore sportivo bianconero Domenichelli dovrebb...
20.09.2021
Sport

“Il ciclismo nelle Fiandre è una fede immortale”

Meensel-Kiezegem, Belgio, è una cittadina del Brabante fiammingo. Questo nome è balzato alla ribalta internazionale soprattutto perché ha dato...
19.09.2021
Sport