Sport, 30 maggio 2021

Rossocrociati sul pezzo ma la Russia è migliore

Ai Mondiali del gruppo A i quarti sono vicini. Oggi la Bielorussia

RIGA (Lettonia) - Una prestazione di grande livello, forse la migliore vista sinora. Contro una Russia ricca di classe e talento, i rossocrociati si sono battuti con coraggio e brillantezza, tenendo testa ai rivali praticamente sino alla fine di un confronto che ha sancito la nostra seconda sconfitta (1-4) nelle cinque partite sin qui disputate ai Mondiali del gruppo A. Mondiali in cui regnano equilibrio ed emozioni e le grandi dell’hockey internazionale stanno facendo fatica.


Nonostante la battuta d’ arresto, la squadra di Patrick Fischer è più che mai in corsa per i quarti di finale. Il calendario oltretutto la aiuta: oggi affronta la Bielorussia (inizio ore 15.15) mentre nell'ultima sfida se la vedrà contro la Gran Bretagna. Le due compagini sono fra le più deboli del girone. Meglio comunque diffidare, perché le sorprese sono sempre dietro l’angolo.


Tornando alla partita contro i russi: sin dalle prime fasi si è capito che la Svizzera sarebbe stata un avversario rognoso per Burdasov e soci. Con un gioco veloce e coinvolgente, ha infatti creato non pochi problemi alla Russia, una delle nazionali favorite al titolo iridato. La gara è vissuta sul filo del rasoio sino al 35’ quando in power play Burdasov ha rotto il ghiaccio trafiggendo il per altro ottimo Berra. Sino a quel momento in boxplay i nostri erano stati impeccabili.  La sfida è stata poi caratterizzata da continui cambiamenti di fronte e in tre occasioni (due per i russi e una per gli elvetici) i pali hanno negato la rete alle contendenti.


La Svizzera non si è mai persa d’animo e verso il 50' ha trovato il gol del meritatissimo pareggio con Hischier, ben servito da Ambuhl, autore in un passaggio al bacio. Purtroppo però la gioia è stata di breve durata, visto che Karnaukhov due minuti piu tardi ha approfittato di un errore di Geisser per portare i suoi in vantaggio. E al 52’38” Tolchinski ha realizzato il punto del 3-1, che ha in pratica deciso la partita.

Guarda anche 

HCL, piove sul bagnato: out anche Josephs

LUGANO – Dopo Carr ora anche Troy Josephs: l’attaccante americano sarà assente dalle competizioni per le prossime 4-6 settimane, dopo la frattura al ma...
23.09.2021
Sport

Monsieur Sébastien Reuille: l’uomo giusto al posto giusto

BIASCA - Tredici anni al servizio del Lugano e spesso da protagonista. Una medaglia d`oro al collo nel 2006 al fianco degli indimenticabili Nummelin, Peltonen e Metr...
21.09.2021
Sport

Lugano, il sogno Galchenyuk...

LUGANO - Un valido collega ticinese, l' indomani di Lugano-Bienne (3-5), ha scritto senza mezzi termini che il direttore sportivo bianconero Domenichelli dovrebb...
20.09.2021
Sport

“Il ciclismo nelle Fiandre è una fede immortale”

Meensel-Kiezegem, Belgio, è una cittadina del Brabante fiammingo. Questo nome è balzato alla ribalta internazionale soprattutto perché ha dato...
19.09.2021
Sport