Sport, 11 maggio 2021

“Lugano, scelta azzeccata: McSorley è il migliore!”

L’ex portiere del Ginevra Gianluca Mona parla del nuovo coach bianconero

LUGANO - Il leventinese Gianluca Mona (classe 1979) conosce benissimo il nuovo head coach del Lugano Chris McSorley. Dal 2006 sino ad inizio 2010 ha difeso la porta del Ginevra disputando anche una finale per il titolo nel 2008 quando, appunto, in panchina c’era il tecnico canadese, allora padre-padrone (e per alcuni despota) del club granata. 


“Con Chris ho trascorso gli anni più intensi della mia carriera sportiva – ci ha detto nei giorni scorsi al telefono l’ex portiere – alcuni dei quali sono stati fantastici. A quei tempi Ginevra viveva una vera e propria febbre dell’hockey e Chris aveva contribuito ad alimentarla con iniziative molto azzeccate, come ad esempio la visita agli sponsor o alle scuole da parte dei giocatori. Durante la sfida contro i Lions i bus e i tram della città giravano con i colori della società ginevrina. E se l’hockey è riuscito a superare il calcio, beh, il merito era principalmente delnordamericano. Aveva creato dal nulla una identità hockeistica”.


Gianluca ha conservato un buon rapporto con il canadese. Sino allo scorso anno, prima della pandemia, i due si trovavano frequentemente. “Delle belle rimpatriate, a cena o a pranzo. Con lui ho mantenuto i contatti, anche se riconosco che in pista non erano tutte rose, anzi…”.


Racconta Mona: “Lui è stato certamente il miglior tecnico che io abbia mai avuto. Una vera e propria enciclopedia dell’hockey. Dei giocatori svizzeri, poi, conosceva ogni dettaglio. Con il canadese ho imparato tantissimo e per questo lo ringrazio. Tuttavia negli ultimi due anni trascorsi a Ginevra, quelli sanciti da un regolare contratto, non mi ha trattato benissimo. Siccome reputava Stephan e Conz i due titolari, mi ha lasciato fuori senza troppi complimenti. Non potevo più entrare alla pista e andare sul ghiaccio. Una sorta di mobbing. Poi però me ne andai a Losanna e la situazione con McSorley si appianò,
tanto che negli anni successivi i nostri rapporti sono continuati”. 


Dal lago Lemano a lago Ceresio; da Ginevra a Lugano. Un buon affare per McSorley e il Lugano? Dice Mona: “Se Chris fosse venuto anni addietro alla corte bianconera, probabilmente l’HCL avrebbe vinto qualche titolo in più. È una forza della natura, un vincente, uno che non trascura il minimo dettaglio, un tecnico che sa motivare e proteggere la squadra e i giocatori dalle critiche. Un fatto fondamentale. A Lugano farà solo l’allenatore ma dubito che non parteciperà alla scelta di questo o quell’altro giocatore. Sono altresì convinto che con Hnat Domenichelli non ci saranno problemi”. 


L’arrivo di Chris McSorley ha già generato entusiasmo fra i tifosi bianconeri. “Ci mancherebbe. Tuttavia mi lasci dire una cosa: McSorley avrà bisogno di tempo per costruire una squadra da titolo. E oggi è più difficile di qualche anno fa, vista la concorrenza agguerrita. Nessuno fa i miracoli e l’ex tecnico del Ginevra lo sa benissimo. Se lo metteranno nelle migliori condizioni per lavorare, allora ne vedremo delle belle”. 


A proposito: che hockey vedremo alla Corner Arena? “I tempi sono cambiati e anche McSorley si è adattato. Nelle ultime stagioni in cui ha diretto il Ginevra, la squadra ha modificato il suo stile. Direi che c’è stata una evoluzione. All’epoca proponeva un hockey fisico e aggressivo, che non lasciava nulla allo spettacolo, un hockey pure noioso. Non sarà più così”. 


E il progetto-Sierre e della nuova pista? “ Non credo che influirà su McSorley. Se lo conosco bene, impegnerà tutte le sue energie al Lugano. Non è venuto in Ticino per accontentarsi di un piazzamento, di questo ne sono sicuro”.

M.A.

Guarda anche 

Dopo 22 anni in bianconero Sannitz dice «basta!»

LUGANO -  La notizia era ufficiosa fino a pochi minuti fa, in pochi si aspettavano che potesse decidere di rinnovare il suo contratto in scadenza col Lugano e, ...
09.06.2021
Sport

Lettere dei lettori: "I vandali hanno gioco facile ma prima o poi la corda si spezza"

È passata una settimana ormai dallo sgombero, le manifestazioni non autorizzate continuano senza nessun problema ed i vandali hanno gioco facile. Vorrei tanto sape...
08.06.2021
Ticino

Lugano, è ufficiale: ecco Abel Braga

LUGANO – Dopo le tante chiacchiere, i rumors, è arrivata l’ufficialità: Abel Braga è il nuovo allenatore dell’FC Lugano e ha firmat...
07.06.2021
Sport

“Che spettacolo il football. E i giovani ne sono attratti”

LUGANO - A Lugano il football americano esiste dalla notte dei tempi. Esiste da metà anni Ottanta, quando – con fortune alterne –i Lugano Seagulls...
07.06.2021
Sport