Svizzera, 02 maggio 2021

Dottoressa in Svizzera accusata di fornire tamponi post-datati: "Tra italiani ci si aiuta"

Noi non guardiamo “Striscia la notizia”. Ma i redattori del Corriere del Ticino sì, ciò che ha permesso loro di scoprire un servizio interessante andato in onda nella puntata di venerdì sera.

La trasmissione di Canale 5 ha infatti svelato che in Svizzera romanda c’è una dottoressa italiana che fornisce dei tamponi post-datati ai propri connazionali che ne hanno bisogno per recarsi in Italia.

La dottoressa, spiega “Striscia la notizia”, lavora in Svizzera come pediatra ma a quanto pare esegue anche i tamponi. In maniera quantomeno sospetta. Alla paziente inviata da “Striscia la notizia” ha fornito i
risultati dopo 2 minuti quando in realtà ce ne vorrebbero almeno 15. Alla faccia dell’attendibilità.

Non solo. A un altro paziente ha consegnato dei risultati post-datati, ovvero ha scritto che il tampone era stato eseguito a una certa data quando in realtà risaliva a diversi giorni prima.

Sono sotterfugi molto gravi, sottolinea “Striscia la notizia”, perché rischiano di far passare per negativa al Covid-19 una persona che nel frattempo potrebbe essere diventata positiva.

Ma per la dottoressa la salute non sembra venire al primo posto. “Tra italiani ci si aiuta” ha spiegato nel video.

Guarda anche 

Ossa e relitti dallo scioglimento dei ghiacciai in Svizzera

Lo scioglimento dei ghiacciai svizzeri ha portato alla scoperta di resti umani e un aereo disperso da 50 anni. Lo riporta il Guardian. Nei giorni scorsi due alpinisti ...
11.08.2022
Svizzera

"La Svizzera non è più neutrale"

"Sfortunatamente, la Svizzera ha perso il suo status di Paese neutrale e non può agire come mediatore o rappresentante di interessi o consolare", con ...
11.08.2022
Svizzera

"I socialisti sono sempre più distanti dai problemi dei cittadini"

 "Il peggior nemico degli anziani a basso reddito e proprietari di casa è il partito socialista. Gli anziani ticinesi a basso reddito che vivono in ca...
11.08.2022
Ticino

"Mi sembra impossibile camminare a Lugano e non incontrarti"

*Di Stefano Tonini Caro Marco, oggi ricorre il primo anniversario della tua scomparsa. Il ricordo di quel triste giorno di metà agosto, quando ricevetti la tele...
11.08.2022
Ticino