Svizzera, 25 aprile 2021

Un mese dopo essere arrivato in Svizzera, rifugiato pugnala e uccide la moglie

Un rifugiato eritreo ha ucciso la moglie appena un mese dopo essere arrivato in Svizzera tramite il ricongiungimento famigliare a Peseux, nel canton Neuchâtel, giovedì scorso.

La vittima aveva 34 anni. Arrivata in Svizzera con i suoi figli due anni fa, era madre di una famiglia numerosa. Secondo "ArcInfo", aveva chiesto il ricongiungimento familiare dopo diversi anni di separazione, soprattutto per il bene dei figli della coppia. Arrestato poco dopo i fatti, il marito non ha opposto resistenza e ha confessato l'omicidio.

Da notare inoltre come alcuni media romandi, nel riportare la notizia, cercano di convincere il lettore che non ci sarebbero "connotazioni culturali" in quanto accaduto. Per esempio il portale ArcInfo ha citato un "rappresentante della comunità eritrea" che sostiene che nella loro comunità "le donne sono molto rispettate qui, e viceversa" e in seguito ha interpellato tale Luul Sebhatu,
rappresentante dei rifugiati nella commissione cantonale per l'integrazione degli stranieri (!) del canton Neuchâtel secondo cui "bisogna vedere come questi rifugiati arrivano qui: la pressione dei contrabbandieri, la paura di essere presi ad ogni passaggio di frontiera, il rischio di morire... È un fardello pesante. Queste persone hanno bisogno di una terapia psichiatrica nel paese ospitante", ha detto Sebhatu, a cui forse è sfuggito il dettaglio che l'omicida è arrivato tramite ricongiungimento famigliare, quindi legalmente e verosimilmente con regolare volo aereo, e non illegalmente con l'aiuto di passatori e con diversi passaggi alla frontiera.

Il sito LeMatin.ch da parte sua invece cita il procuratore Nicolas Feuz che ci tiene a far presente a tutti che secondo lui "questo femminicidio non ha alcuna connotazione culturale, né alcun legame con la nazionalità di questa famiglia di rifugiati".

Guarda anche 

"I richiedenti l'asilo respinti non devono poter rifiutare un test pcr per evitare il rimpatrio"

Il Consiglio federale deve fare in modo che i richiedenti l'asilo respinti non possano evitare il rimpatrio rifiutandosi di sottoporsi ad un test pcr. È quanto...
05.05.2021
Svizzera

La SEM potrà controllare i telefonini dei richiedenti l'asilo (ma solo con il loro consenso)

Con 123 voti contro 65 il Consiglio nazionale ha accolto martedì una modifica di legge che permetterà alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) di con...
05.05.2021
Svizzera

Omicida di colore in fuga a Zurigo, un ticinese si preoccupa: “Speriamo non gli facciano del male”

Ha del surreale la testimonianza riportata oggi da Ticinonline in merito all’omicidio avvenuto lunedì mattina attorno alle 9 a Zurigo-Altstetten. Un uomo ...
04.05.2021
Svizzera

I Verdi ci provano, ma il Consiglio federale boccia i "rifugiati climatici"

Il cambiamento climatico non sarà, almeno per ora, un motivo valido per ottenere asilo in Svizzera. Il Consiglio federale ha bocciato una proposta in tal senso pro...
30.04.2021
Svizzera