Sport, 06 aprile 2021

Bienne o Rappi? Al Lugano cambia poco… stando ai numeri...

2 vittorie contro i Seelanders e 2 scofitte in regular season per i bianconeri. 3 vittore e altrettante sconfitte contro i Lakers: per i ragazzi di Pelletier si preannuncia una serie delicata

LUGANO – Secondo posto finale in regular season, con tanto di brivido finale, vista la suonante sconfitta rimediata lunedì a Ginevra e il contemporaneo sorprendente KO subito dal Losanna a Rapperswil: il Lugano ha iniziato ad allenarsi in vista dei quarti di finale di playoff, anche se la sua avversaria non è ancora nota.
 
 
Esattamente come sta accadendo allo Zugo, vero e proprio rullo compressore della regular season e favorito numero 1 per la vittoria del titolo, anche i bianconeri devono attendere per conoscere il loro destino. Da domani sera rispettivamente Davos e Berna (da dove uscirà la sfidante dei Tori) e Bienne e Rapperswil si daranno battaglia in due best-of-3 per conquistare gli ultimi posti disponibili per i playoff.
 
 
Il Lugano, come dicevamo, si allena, sta mettendo nuove energie nelle gambe per la volata finale, anche senza sapere il nome del suo avversario diretto. Spulciano un po’ i numeri della stagione, possiamo dire che all’orizzonte si intravvede in ogni caso una serie stretta, tirata, in cui i dettagli saranno decisivi.
 
 
Certo, sono parole quasi classiche, frasi fatte e ai più risulteranno scontate. Anche se nei playoff (perdonateci l’ennesima banalità) tutto si azzera, tutto parte da 0. In ogni caso è interessante
notare come un bottino praticamente alla pari sia col Bienne che col Rapperswil.
 
 
Con i Seelanders, Arcobello e compagni hanno perso una volta alla Tissot Arena (6-4 il 27 novembre) e una volta in casa (2-6 lo scorso 2 marzo, in una sfida senza storia), ma sono risultati vincitori in terra bernese in un’occasione (all’overtime per 3-2 il 18 dicembre grazie al solito Heed) e una volta alla Cornèr Arena (4-1 il 7 febbraio).
 
 
Lo stesso discorso vale per le sfide incrociate con i Lakers. Sangallesi in grado di imporsi nelle prime due uscite disputate tra le mura amiche (5-2 e 4-2 il 28 dicembre e il 19 gennaio, praticamente dopo la quarantena dei bianconeri e in pieno periodo complicato per i ragazzi di Pelletier) per poi ripetersi in Ticino (2-4 il 14 febbraio). Dal canto suo i bianconeri sono usciti vincitori per due volte dalla pista di casa (1-0 il 24 gennaio e 5-2 il 31 gennaio), per poi riuscire a sbancare la St. Galler Kantonalbank Arena, lo scorso sabato col rotondo 5-0 rifilato a Nyffeler e compagni.
 
 
Nel contempo, è interessante sottolineare, come il Bienne sia sempre riuscito imporsi quest’anno nelle uniche 3 partite disputate contro il Rappi, imponendosi per 2 volte in casa (2-1 e 3-1) e una volta ai rigori nel canton San Gallo (3-2). Chi avrà la meglio questa volta?

Guarda anche 

Lukas Klok suona la carica. Infranto il tabù-Kloten

LUGANO - Arrivato quasi in sordina alla corte di coach Gianinazzi, il ceko Lukas Klok si sta rivelando una pedina fondamentale nella rincorsa del Lugano ai preplayof...
05.02.2023
Sport

“Non ho legami con l’Africa, ma ci porterò i miei figli”

AMBRÌ - L’ex biancoblù Michael Ngoy è nato a Losanna 40 anni fa: mamma svizzera e papà congolese. Persona estremamente si...
05.02.2023
Sport

Dannato powerplay: i Lakers stoppano un Lugano caparbio

RAPPERSWIL – Dopo quattro vittorie filate, il Lugano è tornato a riassaporare l’amaro gusto della sconfitta al termine di un match in cui non ha giocat...
30.01.2023
Sport

Plan B e MyLugano, per una Lugano all'avanguardia

Parlando del digitale, va ricordato che la Città di Lugano, con il suo “Plan B” o Piano-B è precursore a livello internazionale e ci pone cos&ig...
30.01.2023
Opinioni