Sport, 26 febbraio 2021

Lugano, l’ennesima scoppola dalle Aquile!

Completamente bloccati sul ghiaccio, i bianconeri ieri sera hanno nuovamente dovuto cedere il passo in modo fragoroso contro il Ginevra

LUGANO – Se dopo 7’ ti trovi sotto per 0-4 in casa e l’head coach si trova costretto a chiamare un time-out e a sostituire il portiere… qualcosa non va. Se accade in un match delicatissimo per la classifica e dopo 8 giorni di riposo… l’allarme suona ancora più forte. Se ciò avviene per la terza volta contro la medesima squadra… beh allora la cosa si fa seria. Sì perché il Lugano che ha perso ieri per 2-6 in casa contro il Servette, è lo stesso che qualche mese fa andò nella città di Calvino e subì due scoppole memorabili nel breve volgere di 24h.
 
E se 3 indizi fanno una prova… allora possiamo affermare che questo Lugano soffre, soprattutto mentalmente, le Aquile. Certo, questa sera i ragazzi di Pelletier hanno subito la possibilità di rifarsi, di graffiare, di stanare Rod e compagni, ospitandoli nuovamente alla Cornèr Arena, ma se queste
sono le basi di partenza…
 
Un peccato, non solo per questo Lugano è lo stesso – Haussener a parte – che è andato a portare via 1 punto a Zugo e 2 a Losanna, ma è anche quel Lugano che (ora settimo in classifica) si gioca molto probabilmente un posto diretto nei playoff contro i ginevrini (e il Davos). E se perdi 3 volte su 3 (e pure così male), beh… il destino ce l’hai quasi segnato.
 
I bianconeri ieri sono apparsi completamente bloccati, fermi, paralizzati, quasi di ghiaccio. Peccato che dall’altra parte il Servette quel ghiaccio – compreso quello della ex Resega – se l’è divorato, lo ha sbranato, segnando a raffica da tutte le posizioni. Trovare qualcosa di positivo nella serata di ieri risulta dura, nonostante l’ennesima rete di Boedker e il polsino di Fazzini, ma altrimenti… non ci resta che attendere di essere smentiti in serata.

Guarda anche 

Ginevra, appuntamento con la storia

GINEVRA – I bagordi, la gioia e i festeggiamenti per il titolo svizzero conquistato la scorsa primavera sembrano lontani, sembrano un po’ offuscati, visto qua...
20.02.2024
Sport

Un rosso di troppo e il Lugano si lecca le ferite

GINEVRA – Si sperava, in casa Lugano, che l’effetto Europa si facesse sentire sul Servette, reduce dalla sfida di giovedì sera contro il Ludogorets nei...
19.02.2024
Sport

“Fischer per altri 2 anni? Scelta incomprensibile!”

LUGANO - Undici sconfitte consecutive e un Mondiale deludente (del 2023) non sono bastati per cambiare la guida tecnica della Nazionale! Patrick Fischer resta sulla ...
20.02.2024
Sport

Lugano, una ripartenza a tutto gas. L'Ambrì espugna Berna

LUGANO - Show alla Bossard Arena! Il Lugano annichilisce lo Zugo, terza forza del massimo campionato, e ritorna fra le prime sei in attesa del Davos, che oggi ospita...
18.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto