Sport, 19 febbraio 2021

HCL, 3 punti in 2 partite per la (rin)corsa ai playoff

La settimana bianconera, dopo il brutto KO interno col Rapperswil, ha lasciato qualche sicurezza in più sulla condizione e sulla qualità della formazione di Pelletier

LUGANO – Non sarà una passeggiata, non sarà semplice, sarà un cammino impervio e imprevedibile quello che porta ai playoff e il Lugano dovrà affrontarlo con la squadra al completo, con l’aiuto di tutti i suoi uomini e con la consapevolezza che le 8 vittorie di fila e le ultime 2 partite disputate in settimana possono aver dato.
 
Sì, perché dopo il brutto scivolone interno col Rapperswil di domenica – che aveva interrotto l’importante filotto di successi – i bianconeri si sono ritrovati, andando a cogliere punti importanti e pesanti sia a Zugo, in casa della terribile capolista e dominatrice della Regular Season, sia a Losanna, dove quasi tutti ci hanno rimesso le penne in stagione.
 
E Arcobello e compagni lo hanno fatto lottando, soffrendo, rimontando. A Zugo dopo un brutto primo tempo e dopo il 2-0 dei Tori, è arrivata la reazione giusta che ha portato al 2-2 del 60’, lasciando un po’ di rammarico tra le fila dei sottocenerini, perché la vittoria sembrava davvero poter arrivare. Poi ci ha pensato la coppia Klingberg-Shore a mettere fine alla contesa al supplementare. Ma quello ottenuto alla Bossard Arena è stato 1 punto importante, 1 punto frutto di una bella prestazione che ha dato il là alla vittoria conquistata al supplementare a Losanna.
 
Certo, i vodesi sono andati 2 volte in vantaggio – anche con un po’ di fortuna – ma ancora una volta il Lugano ha avuto il merito di mettersi lì, di continuare a giocare il suo gioco, di sfruttare tutti i suoi uomini e di portare la contesa all’overtime, dove questa volta è stato Boedker (che finalmente nel 2021 sembra aver trovato la sua giusta dimensione) a regalare quel successo che serviva anche per frenare la rincorsa di un Losanna che, con 7 partite in meno, si trova a -4 dallo stesso Lugano.
 
Non sarà una passeggiata, dicevamo, arrivare tra le prime 6 e approdare ai playoff perché la classifica è corta, cortissima – fatta eccezione per lo Zugo – e anche il Bienne e il Servette (altra squadra con 6 partite in meno disputate, che si trova a -7 dai bianconeri) possono rientrare in graduatoria. Ecco perché per la squadra di Pelletier sarà fondamentale riposare bene durante questa settimana, cercando di recuperare energie fisiche e mentali, per affrontare al meglio gli stessi ginevrini giovedì prossimo alla Cornèr Arena. Perché imporsi in quella sfida sarà assolutamente fondamentale.

Guarda anche 

Lugano lanciatissimo: addirittura secondo!

ZURIGO - Per una notte i bianconeri sono secondi in classifica. Bene. Non accadeva dallo scorso inverno, quando sulla panchina c'era Maurizio ...
28.11.2021
Sport

È il Black Friday: ecco l’attesa

LUGANO - Venerdì 26 novembre. Per gli amanti dello shopping questa data vuole dire una sola cosa: Black Friday.   E infatti, ancora prima dell’o...
26.11.2021
Ticino

Marius Antonietti attacca: “Ticino, vita dura per i pugili”

LUGANO - Marius Black Antonietti (30 anni) ha dedicato e dedica anima e corpo al pugilato, uno sport che vive con grande intensità e dedizione. Ha vint...
26.11.2021
Sport

Chad Silver, la fine tragica di un ragazzo perbene

Il 1998 verrà ricordato per le gesta sportive della Francia multietnica campione del mondo, per la doppietta di Marco Pantani (Giro e Tour), per il caso Fes...
25.11.2021
Sport