Svizzera, 10 febbraio 2021

Piastrellista pagato 16 franchi l'ora, multata l'agenzia interinale

Il Tribunale federale ha confermato la multa di 12'000 franchi inflitta a un’impresa interinale che versava a un piastrellista un salario netto di 16 franchi all’ora, manifestamente inferiore a quello più basso contemplato dal Contratto collettivo di lavoro (CCL) in vigore nel settore.

Come si legge nella sentenza pubblicata oggi, il ricorso dell’agenzia interinale, patrocinata dall’avvocato Laura Cansani, è stato dichiarato inammissibile.

L’irregolarità era emersa durante un controllo in un cantiere a Bellinzona, nel settembre 2018. L’agenzia interinale aveva provato a spiegare che a suo modo di vedere l’impiegato non doveva sottostare al CCL dei piastrellisti “perché avrebbe unicamente svolto funzioni di facchino, limitandosi a caricare e scaricare materiale dai camion”.

Ma la Commissione paritetica non ha creduto
che un operaio “con un’importante esperienza acquisita in Svizzera” potesse essere stato assunto esclusivamente per caricare e scaricare materiale dai camion. Tanto più che l’uomo era stato attivo su almeno sei cantieri e per parecchi mesi. Inoltre la Commissione paritetica ha fatto notare che il CCL si applica a tutti, compresi i manovali.

Nel maggio 2019 la Commissione paritetica ha quindi, tra le altre cose, inflitto una multa di 12'000 franchi all’agenzia interinale, per mancato rispetto del CCL.

L’agenzia interinale si è quindi rivolta all’arbitro unico nel ramo della posa di piastrelle, ma anch’egli ha confermato la sanzione, nel gennaio 2020. Ha quindi fatto seguito il ricorso al Tribunale federale, che ha però spazzato via le tesi dell’agenzia, ponendo inoltre a suo carico le spese giudiziarie di 2'000 franchi.

Guarda anche 

Oltre 170mila franchi di debito con l’assistenza: espulso

Il Tribunale federale ha confermato la revoca del permesso di dimora a un cittadino tunisino, al beneficio dell’assistenza pubblica da parecchi anni, periodo durant...
09.03.2021
Svizzera

Espulso per debiti, se la prende con la Posta

In assistenza e oberato dai debiti, un cittadino congolese deve lasciare il Ticino, dove vive dal 2009. Anche il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) ha in sostanza ...
05.03.2021
Ticino

Condannato ed espulso per l'accoltellamento all'Aldi di Pregassona

È stato condannato a 6 anni di carcere e a 10 anni di espulsione dalla Svizzera, il 38enne iracheno che lo scorso 20 luglio accoltellò un connazionale in pi...
24.02.2021
Ticino

Condannato il richiedente l'asilo che diede fuoco al centro asilanti

È stato condannato a cinque anni e mezzo di detenzione, il 38enne di nazionalità turca che nell’aprile 2019 diede fuoco al centro per richiedenti l&rs...
24.02.2021
Svizzera