Svizzera, 10 febbraio 2021

Piastrellista pagato 16 franchi l'ora, multata l'agenzia interinale

Il Tribunale federale ha confermato la multa di 12'000 franchi inflitta a un’impresa interinale che versava a un piastrellista un salario netto di 16 franchi all’ora, manifestamente inferiore a quello più basso contemplato dal Contratto collettivo di lavoro (CCL) in vigore nel settore.

Come si legge nella sentenza pubblicata oggi, il ricorso dell’agenzia interinale, patrocinata dall’avvocato Laura Cansani, è stato dichiarato inammissibile.

L’irregolarità era emersa durante un controllo in un cantiere a Bellinzona, nel settembre 2018. L’agenzia interinale aveva provato a spiegare che a suo modo di vedere l’impiegato non doveva sottostare al CCL dei piastrellisti “perché avrebbe unicamente svolto funzioni di facchino, limitandosi a caricare e scaricare materiale dai camion”.

Ma la Commissione paritetica non ha creduto che un operaio “con un’importante esperienza acquisita in Svizzera” potesse essere stato assunto esclusivamente per caricare e scaricare materiale dai camion. Tanto più che l’uomo era stato attivo su almeno sei cantieri e per parecchi mesi. Inoltre la Commissione paritetica ha fatto notare che il CCL si applica a tutti, compresi i manovali.

Nel maggio 2019 la Commissione paritetica ha quindi, tra le altre cose, inflitto una multa di 12'000 franchi all’agenzia interinale, per mancato rispetto del CCL.

L’agenzia interinale si è quindi rivolta all’arbitro unico nel ramo della posa di piastrelle, ma anch’egli ha confermato la sanzione, nel gennaio 2020. Ha quindi fatto seguito il ricorso al Tribunale federale, che ha però spazzato via le tesi dell’agenzia, ponendo inoltre a suo carico le spese giudiziarie di 2'000 franchi.

Guarda anche 

Aveva investito un ciclista durante un sorpasso, condannato a tre anni e 8 mesi di carcere

Un automobilista residente nel canton Giura responsabile di un incidente nel giugno 2019 è stato condannato a tre anni e otto mesi di prigione per tentato omicidio...
22.10.2021
Svizzera

Aveva chiesto soldi per interrompere una gravidanza che non c'era, condannata e espulsa

La donna camerunense di 40 anni, amante di un dirigente di un'azienda, che si era fatta versare quasi 235'000 franchi per porre fine a una sua presunta gravidanza...
21.10.2021
Svizzera

Poliziotta si dava malata per fare l'assicuratrice, dovrà pagare 50'000 franchi

L'ex agente della polizia cantonale di Basilea Città che si dava malata per fare l'assicuratrice (vedi articoli correlati) è stata condannata a paga...
21.10.2021
Svizzera

Non vuole portare la mascherina in tribunale allora l'udienza si tiene all'aperto

Come rispettare il diritto di essere ascoltato di un uomo che non vuole indossare la mascherina in nessuna circostanza? Questa è la questione che ha dovuto affront...
19.10.2021
Svizzera