Mondo, 07 gennaio 2021

Migliaia di sostenitori di Donald Trump irrompono nel Congresso USA per protestare contro le "elezioni rubate"

La sessione del Congresso americano per certificare la vittoria presidenziale di Joe Biden è stata interrotta mercoledì dopo che migliaia di manifestanti pro-Trump sono entrati nel Campidoglio.

Il vicepresidente Mike Pence e i membri del Congresso sono stati evacuati mentre la polizia del Campidoglio lottava per trattenere una folla di sostenitori del presidente Donald Trump che ha preso d'assalto l'edificio.

Pence stava presiedendo la sessione congiunta del Congresso che avrebbe dovuto certificare formalmente le elezioni del 2020 per il candidato democratico Joe Biden. La Camera e il Senato si erano divisi in sessioni separate per discutere le obiezioni di alcuni legislatori repubblicani alla validità dei risultati dell'Arizona, quando i manifestanti riuniti all'esterno hanno violato la recinzione perimetrale esterna.

Nonostante i gas lacrimogeni e i manganelli dispiegati dalla polizia del Campidoglio, alcuni dei manifestanti sono entrati nell'edificio e hanno protestato all'esterno delle camere del Senato. Le riprese all'interno dell'edificio mostrano alcuni dei manifestanti che bussano alle porte e si fanno strada all'interno.

La polizia del Campidoglio ha inviato una comunicazione per avvertire i membri del Congresso e i media di una "minaccia alla sicurezza esterna" e per dire loro di stare lontani dalle finestre.
La Polizia del Campidoglio avrebbe detto ai membri della Camera dei Rappresentanti di indossare le maschere antigas, in quella che sembra essere una preparazione all'uso di gas lacrimogeni contro i manifestanti.

Ci sono state anche notizie non confermate di colpi d'arma da fuoco all'interno della Camera. Un giornalista ha twittato la foto di un ufficiale che impugnava un'arma da fuoco mentre diverse testate riferiscono di una donna uccisa dalla polizia.

Lo stesso Trump ha poi esortato i manifestanti a "stare in pace" e dicendo che la polizia di Campidoglio è "veramente dalla parte del nostro Paese".

Decine di migliaia di sostenitori di Trump si erano riuniti mercoledì a Washington, DC, per una manifestazione contro quella che ritengono essere un'elezione fraudolenta, sostenendo le affermazioni del presidente che la vittoria di Biden alle elezioni del 2020 è stata il risultato di frodi e irregolarità in una mezza dozzina di stati. 

Guarda anche 

La password dimenticata che vale 200 milioni di franchi in Bitcoin

Il valore del Bitcoin ha preso il volo nelle scorse settimane raggiungendo il massimo storico di 40'000 dollari giovedì 7 gennaio. Per coloro che non hanno pi&...
13.01.2021
Mondo

Libertà d'espressione, il social network "Parler" chiuso da Amazon e bandito da Apple e Google

Il popolare social network dei conservatori americani, Parler, è stato chiuso lunedì, il giorno dopo che Amazon ha tagliato l'accesso ai suoi server sul...
11.01.2021
Mondo

"I media e i democratici stanno lanciando una nuova 'guerra al terrore'"

Alcune delle stesse persone che stavano dietro la "Guerra al Terrore" lanciata sulla scia degli attentati alle torri gemelli del 2001 stanno ora aiutando a iniz...
11.01.2021
Mondo

Twitter rimuove permanentemente Donald Trump, "nuovo attacco alla libertà d'espressione"

Il presidente americano Donald Trump si è ritrovato questa mattina privato del suo canale di comunicazione preferito, Twitter. Il social network ha infatti annunci...
09.01.2021
Mondo