Sport, 31 dicembre 2020

GALLERY – Da Kobe a Maradona, fino a Paolo Rossi: un 2020 nefasto per lo sport

Galleria fotografica

Termina oggi un anno davvero da dimenticare e che, purtroppo, passerà alla storia

LUGANO – Difficilmente dimenticheremo l’anno che questa sera ci lasceremo alle spalle. Difficilmente dimenticheremo il 2020: 366 giorni che resteranno nella nostra mente per la pandemia, per il lockdown, per le mascherine che ancora ora indossiamo, per le distanze sociali che dobbiamo rispettare ormai da 9 mesi e per le tante difficoltà che abbiamo e stiamo affrontando.
 
Se ne va un anno contraddistinto, ahinoi, da un numero incredibile di morti, e molti di noi sono stati toccati da vicino dalla dipartita di un nostro caro, di un amico, di un conoscente – a causa del Covid o meno – o anche solo di un personaggio pubblico a cui eravamo legati. Anche il mondo dello sport ha versato lacrime amare, lacrime tristi, lacrime di morte.
 
Fin da gennaio, quando ci ha lasciati – in seguito a un incidente in elicottero Kobe Bryant – passando per alcuni miti del passato, come l’ex pilota di Formula 1 Stirling Moss, passato alla storia per aver vinto ben 16 GP senza mai laurearsi campione del Mondo, fino ad arrivare a un’ultima parte dell’anno bisestile davvero tragico: prima la dipartita di Diego Armando Maradona, il D10S del calcio, poi quella di Paolo Rossi, mattatore del Mundial ’82, spirato per un brutto male.

Senza dimenticare il lutto che ha colpito lo sci alpino e in particolare la Svizzera e il nostro Ticino, quando una lunga malattia ci ha portato via l'indimenticabile Doris De Agostini.
 
E non sono gli unici: davvero un anno difficile da dimenticare e che, volenti o nolenti, resterà nei libri di storia che verranno studiati dai nostri successori.
Galleria fotografica

Guarda anche 

La Svizzera vieta alla Germania di inviare munizioni svizzere all'Ucraina

La Germania non può esportare blindati che usano munizioni svizzere all'Ucraina. Come riferisce il domenicale "SonntagsZeitung", Berlino voleva in...
25.04.2022
Svizzera

"Mezzi pubblici gratuiti per tutti i rifugiati e per chi è in assistenza"

La decisione di concedere i mezzi pubblici gratuiti ai rifugiati a fatto parecchio discutere questa settimana e in diversi hanno sollevato la questione della parit&agr...
26.03.2022
Svizzera

Da subito i trasporti pubblici sono gratuiti per i rifugiati ucraini

Finora, i rifugiati ucraini potevano viaggiare gratuitamente sui trasporti pubblici dal loro arrivo in Svizzera alla loro destinazione finale. D'ora in poi, potran...
22.03.2022
Svizzera

“La futura casa del basket? Chiamiamola Palacedro...”

LUGANO - Alessandro Cedraschi, grande protagonista del boom del basket dei tempi che furono, da ben 56 anni è al servizio della pallacanestro: 40 come gi...
10.03.2022
Sport