Mondo, 18 dicembre 2020

Aveva ucciso un bambino, arrestato uno dei mafiosi più ricercati

Le forze dell'ordine italiane hanno arrestato Giuseppe Costa, un mafioso condannato alla fine degli anni novanta per aver partecipato al rapimento del giovane figlio di un pentito, che fu poi strangolato e sciolto nell'acido.

Il piccolo Giuseppe Di Matteo, 12 anni al momento del suo rapimento, era figlio di Santo Di Matteo, un membro di Cosa Nostra, la mafia siciliana, che aveva deciso di collaborare con la giustizia.

Era stato rapito nel novembre 1993 per ordine del padrino sanguinario Giovanni Brusca, condannato all'ergastolo per aver partecipato all'attentato al giudice Giovanni
Falcone nel 1992.

Il bambino era stato tenuto in condizioni spaventose per due anni in una casa siciliana prima di essere brutalmente ucciso nel gennaio 1996.

Uno dei suoi carcerierieri era Giuseppe Costa, arrestato all'alba di venerdì dai carabinieri e dagli agenti antimafia della località di Purgatorio. In precedenza, Costa era stato condannato e incarcerato tra il 1997 e il 2007 per il suo ruolo nel calvario del giovane Giuseppe, "uno dei peggiori crimini della storia di Cosa Nostra", si legge in un comunicato dei carabinieri ripreso dai media italiani.

Guarda anche 

Collassa in campo: è un arresto cardiaco. Paura in Premier League

BOURNEMOUTH (Gbr) – A gelare tutto il pubblico presente sugli spalti non è stato il vento di Bournemouth, o la posizione in classifica dei padroni di casa o ...
17.12.2023
Sport

Si filma mentre guida a 300 km/h e pubblica i video su Internet, arrestato

Un automobilista di 26 anni ha avuto l'idea di riprendersi mentre guidava a oltre 300 km/h su autostrade del canton Berna e nel Vallese, per poi pubblicarle sui socia...
07.12.2023
Svizzera

Ricercato per omicidio in Spagna, viene arrestato in Svizzera

Il presunto autore di un accoltellamento mortale avvenuto quest'estate a Barcellona è stato arrestato a Ginevra. Si tratta di un uomo di 21 anni, indica la &ld...
28.09.2023
Svizzera

Arrestato dopo aver fatto decine di comande a nome dei vicini

Dallo scorso aprile un residente di Bulle (FR) ha truffato i suoi vicini usurpandone l'identità per effettuare comande sul web. Dopo aver ricevuto diverse denu...
20.07.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto