Svizzera, 18 novembre 2020

Gli adeguamenti economici di Berna per la seconda ondata

Nella sua seduta del 18 novembre 2020 il Consiglio federale ha deciso di proporre al Parlamento adeguamenti mirati della legge COVID-19 da sottoporre con urgenza al dibattito parlamentare nella sessione invernale. In tal modo sarà possibile reagire meglio agli sviluppi attuali della seconda ondata della pandemia. La proposta di modifica prevede di incrementare gli aiuti finanziari del programma per i casi di rigore fino a un importo complessivo di 1 miliardo di franchi e di aumentare la quota della Confederazione a circa due terzi. In aggiunta il Consiglio federale propone di estendere le prestazioni nell’ambito del lavoro ridotto. Nel settore dello sport intende sostenere i club di livello professionistico e semiprofessionistico anche con contributi a fondo perduto.
 

In Consiglio federale ritiene che, nel complesso, l’attuale pacchetto di provvedimenti sia sufficiente per attenuare le conseguenze della pandemia. Tuttavia, mediante adeguamenti mirati intende porre le basi per potere reagire meglio agli sviluppi della seconda ondata di COVID-19. Per questa ragione il Consiglio federale sottopone per approvazione al Parlamento una modifica della legge federale sulle basi legali delle ordinanze del Consiglio federale volte a far fronte all’epidemia di COVID-19 (legge COVID-19) e della legge federale concernente i crediti garantiti da una fideiussione solidale in seguito al coronavirus (legge sulle fideiussioni solidali COVID-19, LFis-COVID-19). In particolare nella legge COVID-19 devono essere adeguati gli articoli concernenti i casi di rigore (art. 12), lo sport (art. 13 e il nuovo art. 12b) e l’assicurazione contro la disoccupazione (art. 17):
 

  • casi di rigore: l’importo complessivo dei provvedimenti di sostegno di Confederazione e Cantoni deve essere aumentato a 1 miliardo di franchi. La quota della Confederazione a questi costi ammonta al 50 per cento per i primi 400 milioni di franchi (ovvero 200 mio.) e all’80 per cento per la somma restante (480 mio.). Complessivamente la Confederazione si assume così circa due terzi delle uscite, mentre i Cantoni un terzo. I dettagli saranno disciplinati nell’ordinanza, che sarà approvata presumibilmente nella prossima seduta del Consiglio federale e posta in vigore il 1° dicembre 2020. Inoltre, per venire incontro ai Cantoni, il Consiglio federale desidera semplificare l’esecuzione e agevolare loro l’accesso ai dati delle imprese;

  • indennità per lavoro ridotto: al fine di salvaguardare i posti di lavoro ed evitare i licenziamenti dovuti alla pandemia, le prestazioni dell’assicurazione contro la disoccupazione (AD) nell’ambito dell’indennità per lavoro ridotto dovranno nuovamente essere estese in modo mirato. Diverse misure dell’AD emanate in primavera e basate sul diritto di necessità devono essere trasposte nella legge COVID-19. In particolare la modifica proposta intende estendere il diritto alle indennità per lavoro ridotto ai rapporti di lavoro di durata determinata ed eliminare il periodo d’attesa se si percepiscono indennità per lavoro ridotto;
  • sport: a complemento dei provvedimenti di stabilizzazione già adottati, i club di livello professionistico e semiprofessionistico devono poter ricevere, oltre a mutui, anche contributi a fondo perduto. Il loro scopo è garantire l’esistenza delle strutture di base dello sport di competizione e di massa della Svizzera come pure degli allenamenti e delle competizioni. Sulla base delle cifre relative alla stagione 2018/2019, il Consiglio federale intende indennizzare i club fino a due terzi delle mancate entrate derivanti dalla vendita dei biglietti. In contropartita, i club devono rispettare condizioni più severe, ossia ridurre in modo durevole gli stipendi eccessivi e rinunciare alla distribuzione di dividendi, proseguire l’attuazione delle misure di promozione dei giovani e delle donne almeno nella stessa misura della stagione 2018/2019 e garantire la massima trasparenza sull’utilizzo dei fondi. Dei 175 milioni di franchi stanziati nel preventivo 2021 per i mutui, dovranno poter essere utilizzati al massimo 115 milioni di franchi a titolo di contributi a fondo perduto. I mutui potranno essere concessi anche in futuro.

Il Consiglio federale ha inoltre discusso della riattivazione dei crediti COVID-19. In primavera, questi crediti costituivano un aiuto d’emergenza per far fronte ai problemi di liquidità durante i primi mesi della pandemia. La situazione attuale non è paragonabile a quella della prima ondata. Sono infatti già in atto importanti provvedimenti di sostegno statali e finora non si riscontra alcun fallimento del mercato nell’assegnazione dei crediti commerciali ordinari da parte delle banche. Il Consiglio federale è pertanto dell’avviso che gli aiuti previsti dal programma per i casi di rigore siano attualmente lo strumento più efficace per attenuare velocemente e in maniera mirata le conseguenze negative del COVID-19 sulle imprese fortemente colpite. Tuttavia, per poter reagire rapidamente a un’eventuale stretta creditizia, il Governo chiede al Parlamento di adottare una norma di delega per l’istituzione di un nuovo programma di credito. Di conseguenza, se la situazione sul mercato dei crediti peggiorasse in modo netto e l’approvvigionamento creditizio non fosse più sufficiente, il Consiglio federale potrebbe istituire un nuovo sistema di fideiussioni solidali a livello di ordinanza.
 

Inoltre, nel quadro della legge COVID-19 il Consiglio federale propone una modifica della legge sulle multe disciplinari (LMD). Le contravvenzioni di lieve entità della legge sulle epidemie (LEp), come le violazioni dell’obbligo di portare una mascherina facciale, devono poter essere punite anche nella procedura della multa disciplinare.
 

Il Consiglio federale sottopone i disegni di legge al Parlamento con la richiesta di entrare urgentemente nel merito nella sessione invernale.

Guarda anche 

Al valico di Gandria "la nuova frontiera del contrabbando"

Sono sei le auto immatricolate in Ticino sequestrate nelle ultime settimane al valico di Gandria, lungo la statale Regina, alla cui guida vi erano alcuni cittadini italia...
23.11.2020
Svizzera

Test HIV, Svizzera più avanti di altri Paesi

Il numero di casi di HIV dichiarati nel 2019, ossia 421, è per la terza volta nettamente inferiore al valore soglia di 500 casi. L’Ufficio federale della ...
23.11.2020
Svizzera

Aveva ucciso una pensionata nella sua casa, lo trovano 23 anni dopo grazie al DNA

La polizia aveva scoperto il corpo senza vita di una pensionata di 86 anni all'inizio di luglio 1997 a Küsnacht, nel canton Zurigo. L'inchiesta aveva presto ...
23.11.2020
Svizzera

Covid-19 in Svizzera: quasi 10mila contagi e 213 decessi nel fine settimana

In Svizzera, nelle ultime 72 ore, sono stati registrati 9'751 nuovi contagi da coronavirus. Un dato – fa sapere l'Ufficio federale della sanità pubbl...
23.11.2020
Svizzera