Svizzera, 16 novembre 2020

Investe una donna e suo figlio per un litigio in un parcheggio, condannato

Un banale litigio per una questione di precedenza ha quasi causato una tragedia a La Chaux-de-Fonds. Un automobilista non è stato in grado di controllare i suoi nervi dopo un litigio in un parcheggio sotterraneo e ha quasi investito una donna e suo figlio. La vicenda risale al novembre 2019: l'autista, un francese di 35 anni, ha avuto un alterco con una pedone di 28 anni che camminava con il figlio di 5 anni su chi avesse la precedenza.

Situazione che da banale si è fatta subito seria a causa dell'automobilista che evidentemente aveva perso i nervi. Per prima cosa ha fatto una manovra con il suo veicolo per avvicinarsi alla donna
da dietro e in seguito ha deliberatamente accelerato per colpire lei e suo figlio, e allo stesso tempo l'ha insultata abbondantemente.

Il bambino è stato colpito al petto e la madre alle ginocchia, ma nessuno dei due ha riportato ferite serie. L'automobilista da parte sua ha cercato di far perdere le sue tracce ma è stato rapidamente rintracciato e fermato dalle forze dell'ordine e in seguito denunciato. La sentenza, resa nota lunedì, è una condanna a 60 aliquote giornaliere di 110 franchi per questo automobilista che era già stato condannato tre volte per infrazioni al codice della strada.

Guarda anche 

Condannata perchè è caduta pedalando in bicicletta

Mentre andava in bicicletta con la figlia, una donna friburghese di 45 anni è caduta pesantemente. Ferita, soprattutto al volto, ha dovuto essere trasferita in osp...
16.04.2024
Svizzera

Richiedente l'asilo respinto vince al Tribunale federale e chiede 60'000 franchi di risarcimento

Un richiedente l'asilo respinto ha vinto la causa contro il Canton Appenzello Esterno. Il Tribunale federale ha infatti stabilito che le autorità non hanno ris...
16.04.2024
Svizzera

Vive da sola in un appartamento sussidiato di 6 locali e il comune non può sfrattarla

In questi tempi di mancanza di alloggi c'è una persona che non ha problemi di spazio: una pensionata che abita sola a Zurigo in un appartamento di 6 locali fin...
13.04.2024
Svizzera

La Corte europea per i diritti dell'uomo condanna la Svizzera per "inazione climatica"

Martedì la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato per la prima volta uno Stato, la Svizzera, per violazione della Convenzione sui diritti del...
09.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto