Magazine, 12 novembre 2020

Covid e lockdown: il Belgio istituisce il “compagno di coccole”

La misura è stata presa per dare supporto psicologico alla popolazione: il Governo vuole “un confinamento e non un isolamento”

BRUXELLES (Belgio) – Un primo vero, pesante e tremendo – per l’economia ma anche per la psiche delle persone – lockdown diversi Paesi lo avevano già vissuto da marzo a maggio: due mesi completamente chiusi in casa, senza la possibilità di uscire se non per la spesa, per andare dal medico/farmacia o per lavorare. Tutto il resto era vietato: niente amici, niente caffè in compagnia, niente passeggiate, niente corsette tra i boschi (l’attività fisica era permessa soltanto negli spazi adiacenti alla propria abitazione). Niente di niente per combattere il coronavirus. Due mesi tremendi che lasciarono poi lo spazio al finire della primavera e all’estate…

Ora, però, siamo a novembre e il cammino verso la normalità sembra lungo, lunghissimo, estenuante, ancora più di prima e allora c’è chi, come il Belgio,
vuole cercare di far vivere in maniera decente questo difficile momento ai suoi cittadini: il Paese ha istituito la figura del “knuffelcontact”, il “compagno di coccole”, per dare supporto psicologico alla popolazione.

Oltre ai conviventi, insomma, ogni membro della famiglia potrà avere un compagno di coccole, perché “vogliamo un confinamento, non un isolamento”, ha spiegato il premier Alexander De Croo.

Chi vive da solo, invece, potrà averne due, ma bisognerà seguire delle regole precise: “Ogni membro della famiglia ha diritto a un compagno di coccole. Le famiglie ne possono invitare a casa uno alla volta e quando è presente non si possono avere altri visite. Oltre al compagno di coccole si può invitare un’altra persona, ma mai contemporaneamente”, si legge sul sito del Governo.

Guarda anche 

"Abusi nei credit Covid, quanto sta rischiando la Confederazione?"

A quanto ammontano le perdite della Confederazione dovute ai crediti Covid elargiti nel 2020? È quanto chiede il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'int...
20.12.2023
Svizzera

Riceve 150'000 franchi di crediti Covid per un ristorante già chiuso e li versa ai figli, condannato ristoratore

Il fatto che i crediti Covid abbiano dato luogo ad abusi su larga scala non è una novità. Ma sempre più casi vengono alla luce. Il più recente...
08.11.2023
Svizzera

Hotel di lusso, cene sontuose e orologi di lusso: imprenditore si faceva la bella vita con i crediti Covid

Hotel a 5 stelle ad Andermatt, un orologio di lusso e cene costose: un ristoratore residente nel canton Svitto si è permesso diversi sfizi grazie alla somma incass...
24.09.2023
Svizzera

Per il Tribunale federale la SSR è stata tendenziosa

Per il Tribunale federale la SSR, e più precisamente l'emittente romanda RTS, si è macchiata di parzialità durante un servizio andato in onda nel...
21.09.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto