Ticino, 09 novembre 2020

Arrestati due borseggiatori per almeno sette furti tra Locarno e Bellinzona

Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e le Guardie di confine comunicano che il 06.11.2020 sono stati arrestati due 30enni cittadini rumeni residenti in Romania. Grazie agli accertamenti di indagine è stato stabilito che nelle ultime due settimane si sono resi autori di almeno sette borseggi in centri commerciali del Bellinzonese e del Locarnese.

In due casi, dopo aver sottratto il portafoglio, hanno inoltre tentato di eseguire dei prelievi abusivi di denaro da un bancomat con delle carte di credito precedentemente sottratte. Il dispositivo di ricerca coordinato dalla Polizia cantonale ha portato al fermo dei due uomini da parte delle Guardie di confine, in territorio di Bissone, mentre si trovavano a bordo di un'auto con targhe ticinesi.

Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di ripetuto furto e ripetuto abuso d'impianto per l'elaborazione di dati. L'inchiesta è coordinata dal Sostituto Procuratore generale Nicola Respini. La misura restrittiva della libertà è nel frattempo stata confermata dal Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC). 

La Polizia cantonale coglie l'occasione per ribadire alcuni consigli per prevenire furti con destrezza su suolo pubblico:
  1. Portate su di voi poco denaro contante e il minor numero possibile di oggetti di valore.
  2. Non lasciate mai incustoditi la vostra borsa o il vostro bagaglio.
  3. Riponete i vostri oggetti di valore in una tasca interna della vostra giacca, possibilmente chiudibile. Quando camminate in luoghi altamente frequentati, tenete borsetta, borsa del computer portatile, borsa a tracolla e/o zaino ben chiusi e stretti davanti al corpo.
  4. Non riponete mai i vostri oggetti di valore nelle tasche esterne dei vestiti.

Guarda anche 

Coronavirus in Ticino: la situazione attuale

Il sito del Cantone ha appena fornito l’aggiornamento odierno dei dati sull’emergenza Coronavirus. Alle 8:00 di oggi, martedì 24 novembre, si cont...
24.11.2020
Ticino

Il sacerdote accusato di sequestro di persona e coazione torna a piede libero

In relazione all'apertura di un procedimento penale a carico di un 80enne sacerdote svizzero residente nel Luganese, il Ministero pubblico comunica che il Giudice ...
23.11.2020
Ticino

Brucia il Mulino di Maroggia!

 Sta bruciando il Mulino di Maroggia! Le immagini sono impressionanti. Non si sa cosa sia dovuto l'incendio, che i pompieri di Melide, Lugano e Mendrisio stan...
23.11.2020
Ticino

Non luogo a procedere per i messaggini di Ermani

l Procuratore generale sostituto Andrea Maria Balerna informa di avere emanato una formale decisione di non luogo a procedere a seguito della segnalazione del deputato al...
23.11.2020
Ticino