Mondo, 15 ottobre 2020

Migranti si fingono diplomatici e volano in Germania con un jet privato

Richiedenti l'asilo si fingono diplomatici e giungono in Germania con un jet privato. Una famiglia irachena di quattro persone è atterrata venerdì scorso al terminal all'aeroporto di Monaco di Baviera, nel terminal dove di solito arrivano personalità politiche e diplomatici. La famiglia viaggiava su un jet privato Hawker Beechcraft 400A da Istanbul e faceva scalo a Monaco prima di ripartire per i Caraibi.

Al loro arrivo sul suolo tedesco, il padre spiegò che era un diplomatico, fornendo falsi documenti ambasciatoriali dallo stato caraibico di Saint Kitts e Nevis. Il padre, sul documento 49enne, aveva anche i documenti d'identità falsi della madre 44enne, e i due figli, di 12 e 7 anni.

Al controllo dei passaporti, gli agenti della polizia federale sono subito diventati scettici quando si sono accorti che l'uomo non parlava né francese né inglese, lingue di uso comune per chi lavora in ambito diplomatico, oltre al fatto che la lingua ufficiale dell'arcipelago di Saint Kitts e Nevis è l'inglese. Un ulteriore esame dei documenti del gruppo ha poi rivelato
che si trattava di documenti falsi.

Il figlio dodicenne ha spiegato agli inquirenti che la famiglia aveva lasciato l'Iraq per chiedere asilo in Germania. Il padre, da parte sua, ha detto che stava fuggendo dal patrigno, che voleva che sua figlia di 7 anni fosse infibulata. L'uomo ha quindi venduto la sua casa e il suo ristorante nel nord dell'Iraq prima di recarsi in Turchia con la sua famiglia. Secondo la sua versione avrebbe pagato 60'000 euro a un contrabbandiere per volare in Germania con un jet privato.

La famiglia può ora chiedere asilo in Baviera dal centro in cui è stata trasferita. Tuttavia, il padre è accusato di falsificazione di documenti, che comporta una pena detentiva di cinque anni, e di aver tentato di entrare illegalmente in Germania. Per quest'ultimo reato rischia un anno di prigione. La giustizia dovrà decidere se può beneficiare di circostanze attenuanti.

Fonte

Guarda anche 

"La Svizzera è pronta a un'eventuale ondata di domande di asilo?"

Ci dirigiamo verso una nuova ondata di "caos asilo"? È ciò che teme il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri, che oggi ha interpellato il Consiglio...
17.06.2021
Svizzera

Netto aumento delle domande di asilo in Svizzera

Nel maggio 2021 sono state presentate in Svizzera 1029 domande d’asilo, ossia 179 in più che nel mese precedente (+21,1%). Lo comunica oggi la Segreteria di ...
17.06.2021
Svizzera

Carobbio: "I minori migranti siano tali fino a 21 anni e non 18"

La consigliera agli Stati Marina Carobbio (PS) è tornata a far sentire la sua voce in difesa dei migranti. In un’interpellanza presentata questa settimana al...
17.06.2021
Svizzera

Richiedenti l'asilo in paesi extraeuropei, "la Svizzera segua l'esempio della Danimarca"

Perchè la Svizzera non segue l'esempio della Danimarca? Il paese nordico ha approvato settimana scorsa una legge per aprire centri di accoglienza per i migrant...
07.06.2021
Svizzera